Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Referendum, il costituzionalista Celotto: affluenza ai minimi, segnale di disaffezione verso lo strumento referendario

Lunedì 13 Giugno 2022
Referendum, il costituzionalista Celotto: affluenza ai minimi, segnale di disaffezione verso lo strumento referendario
(Teleborsa) - "I dati forniti dal Viminale sui referendum riportano un'affluenza pari al 20%. Un risultato inferiore rispetto al 23% del 2009 che rappresenta il minimo nella storia italiana. Siamo lontani anche dal 31% del 2016, ultimo referendum votato. Questa percentuale è ben al di sotto della soglia fissata dall'art.75 della Costituzione per l'approvazione dei quesiti referendari ed è indice di una disaffezione dell'elettorato rispetto all'utilizzo dello strumento referendario in relazione a questioni particolarmente tecniche come oggi la regolamentazione della giustizia". È quanto ha dichiarato Alfonso Celotto, Professore di Diritto costituzionale nella facoltà di Giurisprudenza dell'Università "Roma Tre", in merito ai dati forniti dal Ministero dell'Interno sull'affluenza alle urne per il referendum sulla giustizia.

"In Italia – ha ricordato –, il referendum abrogativo è il principale strumento di democrazia diretta previsto dalla Costituzione. Gradualmente, tuttavia, ha assunto sempre di più un ruolo suppletivo finendo per svolgere una funzione di sollecitazione di fronte all'inerzia legislativa del Parlamento. In tal senso, l'affluenza registrata oggi è un dato che appare in linea con l'alto livello di astensionismo presente nel nostro Paese, pari almeno al 30%".

"Ad ogni modo, come evidenziato dal Presidente della Repubblica Mattarella nel discorso di insediamento, appare evidente la necessità di avviare un profondo processo riformatore che deve interessare sia il referendum nella sua essenza, sia il versante della giustizia, al fine di sanare le maggiori criticità attualmente esistenti. Un monito che chiama in causa le singole forze politiche in vista dell'imminente voto finale al Senato sulla riforma Cartabia previsto per mercoledì 15 giugno", ha concluso il professor Celotto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA