Giornate FAI 2019: la lista dei musei gratis in Italia

Gli Uffizi di Firenze
Con la bella stagione è tornato il momento di godersi le città del nostro paese e le bellezze che offrono. Cuponation ha messo a confronto i 10 maggiori musei d’Italia con i relativi costi d’ingresso e le giornate da sfruttare per entrare con prezzi ridotti o addirittura in maniera gratuita, come le Giornate FAI, in programma proprio questo weekend. Ma scopriamo quali sono queste meraviglie italiane e come risparmiare.




I grandi edifici di Firenze e la storia di Roma
Al primo posto dei Musei più visitati si piazza la città d’arte per eccellenza: Firenze. Gli Uffizi sono stati il luogo che ha visto l’ingresso del maggior numero di visitatori nel 2018. Il ticket intero ha un costo di 20€ ma potrete sfruttare l’abbonamento Uffizi + Palazzo Pitti + Giardino dei Boboli valido per 3 giorni a soli 18€ (da novembre a febbraio) o a 38€ (da marzo ad ottobre). Nella città dantesca, risultano altresì molto visitate la Galleria dell’Accademia (prezzo intero 16€) e il Museo dell’Opera. Per quest’ultimo vi consigliamo di acquistare il biglietto da 18€ che comprende il Grande Museo del Duomo - Complesso monumentale di Santa Maria del Fiore (Museo dell’Opera, Cupola del Brunelleschi, Campanile di Giotto, Battistero di San Giovanni e Cripta di Santa Reparata).



Al secondo posto, con altri 3 siti importantissimi, troviamo la Città Eterna. Le bellezze dei Musei Vaticani non hanno pari e se non volete pagare i 17€ di ingresso, potete sfruttare la prima domenica di ogni mese per avere l’entrata gratuita. Stesso discorso vale per Castel Sant’Angelo, dove potrete sfruttare l’ingresso gratuito e risparmiare i 14€ di ticket. Il nostro consiglio se vi trovate a Roma è l’acquisto del Roma Pass o del Roma&Più Pass, grazie al quale potrete visitare gratuitamente diversi posti tra i quali la Galleria Borghese. In questo caso, avrete comunque 2€ di commissione per la prenotazione ma nessun altro costo aggiuntivo. In alternativa, le domeniche 6 ottobre, 3 novembre e 1 dicembre l’ingresso è gratuito.
Torino, Napoli e Venezia per chiudere in bellezza
Uno dei più affascinanti e intriganti Musei d’Italia è sicuramente il Museo Egizio di Torino. Il costo è di 15€ per l’intero ma pagherete solo 5€ se entrerete 90 minuti prima della chiusura e il giorno del vostro compleanno, è completamente gratuito. Rimanendo sempre nel capoluogo piemontese, un’altra tappa che non può mancare è il Museo Nazionale del Cinema. L’ingresso singolo è di 11€, aggiungete 4€ in più e potrete anche usufruire dell’ascensore panoramico per una vista incantevole su tutta la città.


Spostiamoci poi nel sud Italia, dove troviamo il Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Se vorrete risparmiare i 15€ di ingresso, sappiate che da ottobre a marzo la prima domenica del mese è gratuita così come i giorni 12,19 e 26 maggio, 11, 18, 25 agosto e 19 settembre,

Chiude la classifica dei 10 musei più visitati la Collezione Peggy Guggenheim a Venezia, con importantissimi pezzi dell’arte del XX secolo. 15€ l’ingresso intero ma tutti i soci FAI avranno uno sconto di 2€.
E proprio grazie all’Associazione FAI potrete visitare più di 1.100 luoghi in maniera straordinaria il 23 e il 24 marzo. Da Trieste a Messina, lasciatevi emozionare dal patrimonio d’arte e natura italiano. L’ingresso è gratuito per tutti questi siti coinvolti, a vostra scelta potrete lasciare una donazione per l’Associazione di 2€, 3€ o 5€. Approfittiamo di questo speciale weekend e riscopriamo le bellezze del nostro fantastico paese.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 22 Marzo 2019, 12:36






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Giornate FAI 2019: la lista dei musei gratis in Italia
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-03-22 19:44:21
gratis oppure a prezzo ridotto ? le due cose sono ben differenti...
2019-03-22 17:45:28
sì ma a me tutta 'sta calca mette angoscia vitale, non ci andrei manco se il museo desse a me 20 euro, per dire, non so voi, e non so neanche noi ed essi.