Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€
Gianpaolo Bonzio
SUONI SPARSI di
Gianpaolo Bonzio

Carmina Burana, l'incanto in piazza San Marco

Venerdì 15 Luglio 2022
Il concerto in piazza San Marco

VENEZIA E’ soprattutto la forza espressiva della riscoperta di repertori antichi ad aver fatto decollare le emozioni in piazza San Marco. 
La proposta dei Carmina Burana, tratti dalla riuscita esperienza di Carl Orff, si è sposata con impressionante naturalezza con il cuore storico di Venezia tornato per l’occasione a riproporre eventi di livello internazionale. L’orchestra e il coro della Fenice, in questo caso con l’aggiunta nella parte finale dei Piccoli cantori veneziani, hanno colto nel segno con un concerto che, seppur legato ad alcune tematiche arcaiche, ha rimesso al centro del discorso l’essenza stessa della musica. Da una parte accenti gregoriani, dall’altra una spinta più attuale dove le voci hanno avuto un ruolo decisivo. 
Su tutto spicca il lavoro fatto dal direttore Fabio Luisi che è riuscito a mantenere costante la tensione delle varie pagine storiche con assoluta determinazione e piglio. Dopo questi due anni trascorsi in teatro con le mascherine, il coro della Fenice è quindi ritornato alla sua luce naturale con un percorso che è stato impreziosito dalla soprano Regula Muhlemann, dal tenore Michael Schade e soprattutto dal baritono Markus Werba. Anche l’immancabile suono del campanile ha regalato una sorta di magia alla serata della Fenice. Poi i bis con il pubblico entusiasta a sigillare un concerto che rimarrà nella memoria.

Naturale, quindi, che il sovrintendente Fortunato Ortombina, alla luce di questo successo, ora pensi ad un appuntamento annuale fisso a luglio sempre in piazza.
Per la città di Venezia, quindi, un appuntamento sentito e di spessore in una stagione estiva in cui, a parte appunto la Fenice, molte delle star internazionali sono invece ospiti di rassegne e tour in città (come Vicenza, Marostica, Ravenna, Udine, Ferrara e Padova solo per citarne alcune) che anni fa avevano un ruolo di secondo piano nel panorama nazionale.

Ultimo aggiornamento: 14:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA