Delfini uccisi alle Isole Faroe, le foto choc fanno il giro del mondo: «Una mattanza senza precedenti»

Lunedì 13 Settembre 2021 di Remo Sabatini
Migliaia di delfini trucidati alle Isole Faroe. Sea Shepherd: «È il più grande massacro degli ultimi anni»
5

Un'incredibile strage di delfini si è compiuta nelle acque delle famigerate Isole Faroe, l'arcipelago tra Islanda e Norvegia a governo autonomo che fa parte del Regno di Danimarca. Oltre 1.500 esemplari di "white sided dolphins" (Lagenorinco dai denti obliqui) sono stati massacrati durante la tradizionale caccia ai cetacei che si tiene stagionalmente in quelle isole.

Orca Kiska sola e disperata sbatte la testa contro il vetro della vasca del parco: le immagini

A diffondere la drammatica notizia che rappresenta il più grande massacro di delfini documentato negli ultimi anni, Sea Shepherd, il movimento ambientalista che segue le vicende legate alla uccisione di cetacei anche in quelle fredde latitudini.

 

"È stata una caccia brutale, ha commentato aspramente Sea Shepherd. Una caccia senza senso che alla fine ha significato l'uccisione dell'intero pod di delfini composto da almeno mille esemplari". E poi: «Un massacro che ci ha lasciati senza parole». Nel frattempo, sulle coste dell'isola teatro della strage, pescatori e residenti stanno ancora contando i delfini uccisi che, mai come stavolta, sembrano davvero non finire più.

 

Le immagini fanno il giro del mondo

Le terribili immagini che mostrano i cadaveri dei mammiferi sulla battigia di Skalabotnur a Eysturoy, e il mare color rosso sangue hanno fatto il giro dei social media scatenando l'ira degli ambientalisti ma anche di alcune organizzazioni che partecipano all'evento. La Grindadrap, così si chiama la pratica barbarica, consiste nel trascinare i mammiferi, soprattutto balene, a riva e poi massacrarli con dei coltelli. Ogni anno, riporta la Bbc, vengono sgozzate circa 600 balene e 35-40 delfini. Il massacro di domenica è senza precedenti. Nel 1940 ne furono uccisi 1200. «È stato un grande errore», ha ammesso il presidente dell'Associazione balenieri delle isole, Olavur Sjurdarberg. Secondo i media locali, la reazione della popolazione è stata «di smarrimento e shock a causa del numero straordinariamente grande» di delfini uccisi. Tuttavia un sondaggio effettuato dalla tv pubblica Kringvarp Foroya ha rivelato che mentre il 50% delle persone è contraria alla caccia dei delfini, l'80% è favorevole a quella delle balene.

Video

 

Ultimo aggiornamento: 15 Settembre, 12:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA