Salvati 53 cani diretti al macello: erano chiusi in sacchi, trasportati da un commerciante di carne

Gli animali hanno già ricevuto cure veterinarie di emergenza prima di tornare in un rifugio temporaneo

Giovedì 25 Novembre 2021
Salvati 53 cani diretti al macello: gli animali erano chiusi in sacchi nel camion di un commerciante di carne
2

Erano diretti al macello, chiusi dentro dei sacchi nel retro del camion di un commerciante di carne tremanti dalla paura. Le immagini scioccanti del salvataggio di 53 cani avvenuto a Sukoharjo, sull'isola di Giavaad in Indonesia, ad opera della polizia e degli animalisti, hanno fatto il giro del mondo.

«Probabilmente animali domestici rubati presi dalle strade»

Sono per lo più cani domestici rubati e ancora con il collare i 53 cani ritrovati nelle prime ore di mercoledì in Indonesia. Avevano le museruole legate con spago e fascette, feriti e provati da un estenuante viaggio di 10 ore. La maggior parte di loro con meno di un anno di vita.

Al ristorante gratis per mesi a Penne: titolari minacciati da cliente con un grosso cane

Il camion è stato fermato dalla polizia alle prime ore del giorno proprio mentre arrivava a un macello illegale di carne, dove ogni giorno circa 30 cani vengono picchiati a morte. L'autista è stato arrestato con l'accusa di essere un commerciante di carne di cane.   

Gli attivisti della coalizione Dog Meat Free Indonesia hanno trovato uno dei cani ormai senza vita. Lola Webber, che è stata una delle prime attiviste sulla scena, ha raccontato di aver sentito i cani piagnucolare all'interno del camion mentre si avvicinava. «Il cuore mi batteva forte nel petto mentre ci avvicinavamo al camion, perché potevo sentire il pietoso piagnucolio dei cani e poi li ho visti tutti legati nei sacchi, i loro morbidi musi chiusi con del filo metallico».

Lupo dominante investito e ucciso da un Suv. L'automobilista: «Sono stato circondato dal branco»

Webber, un mebro del gruppo di International Humane Society, ha detto: «Erano estremamente traumatizzati e spaventati». «Siamo arrivati ​​appena in tempo perché l'uccisione di solito avviene nelle prime ore del mattino. Siamo immensamente grati alle autorità per aver preso provvedimenti». «Molti dei cani indossavano ancora il collare e si trovavano senza dubbio a molte miglia da casa, probabilmente animali domestici rubati presi dalle strade», ha aggiunto. 

Il commerciante arrestato sarebbe stato al centro del commercio di carne di cane nell'isola di Giava per più di 20 anni.  È sospettato di coordinare le spedizioni di centinaia di cani da macello ogni mese e di aver ucciso in media 30 cani al giorno. 

Cani affidati alle cure dei veterinari

I 53 cani salvati dal macello hanno già ricevuto cure veterinarie di emergenza prima di tornare in un rifugio temporaneo dove saranno curati.  È improbabile che i cani si riuniscano con le loro famiglie, ma gli attivisti stanno lanciando appelli locali. Se non saranno in grado di trovare i proprietari, i cani saranno adottati in Indonesia. 

 

Avvelenato il cane eroe del Soccorso Alpino del Friuli: Jack è intubato, appelli social

In Indonesia, non vi è alcun divieto a livello nazionale sul commercio di carne di cane. Mentre il governo si è impegnato a reprimere il commercio, finora sono stati i governi regionali ad agire. Tarjono Sapto Nugroho, capo delle indagini criminali della polizia di Sukoharjo, ha dichiarato: «Riceviamo molte lamentele sulle operazioni illegali dei commercianti di carne di cane. Le persone non vogliono questo commercio o massacro nelle loro comunità. I cani sono amici, non cibo, e il commercio è già illegale ed è severamente proibito dalla legge islamica. Il consumo di carne di cane è considerato cultura da alcuni, ma le culture si evolvono e anche noi dobbiamo farlo».  

 

Ultimo aggiornamento: 27 Novembre, 09:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA