Teramo, 40enne arrestato per pedofilia online: aveva 13 computer

Giovedì 30 Settembre 2021 di Teodora Poeta
Teramo, 40enne arrestato per pedofilia online: aveva 13 computer

E’ finito in carcere un altro pedofilo che attraverso la Rete condivideva immagini e video di bambini. Nonostante le precedenti denunce ha continuato senza scrupoli a rendere sempre più vasto il suo già ampio archivio che ora è tutto sotto sequestro ed è servito agli inquirenti per riuscire, stavolta, ad ottenere dal gip del tribunale dell’Aquila l’ordinanza che gli ha aperto le porte del carcere.

Si tratta di un 40enne della costa teramana accusato di detenzione e divulgazione di materiale pedopornografico. A dare avvio all’indagine è stata una segnalazione alla Polizia postale arrivata attraverso i canali di cooperazione internazionale in cui si evidenziavano connessioni con contenuti di pornografia minorile, i cui primi accertamenti hanno subito riportato all’utenza telefonica del 40enne. E così, andando ad effettuare ulteriori accertamenti tecnici, la Polpost ha scoperto numerosi file, sia immagini che video, che l’uomo divulgava attraverso diverse piattaforme social.

In fase di perquisizione domiciliare gli sono stati sequestrati 13 computer, 2 tablet e 2 chiavette usb, mentre grazie alle attività tecniche di carattere forense su quei supporti è stato scoperto un ingente quantitativo di materiale pedopornografico oltre ad elementi che confermano l’attività di divulgazione. Si tratta di circa 5mila immagini e oltre mille video, tutto suddiviso in maniera metodica in cartelle e sottocartelle in base ai video e alle foto. Materiale che veniva caricato e scaricato in Rete. Su Internet il 40enne intratteneva chat con altri utenti nel corso delle quali riceveva e inviava file pedopornografici, caricandoli su piattaforme che consentivano poi la condivisione. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA