Fornai e pasticceri, per i giovani
del Villaggio Sos si reinventa il futuro

Venerdì 11 Settembre 2015 di Roberto Cervellin
Un momento dell'inaugurazione del forno al villaggio Sos di Vicenza

VICENZA - Un forno per i bambini sfortunati. Al villaggio Sos di Vicenza un sogno è diventato realtà. Nell'ambito del progetto "pane quotidiano" - start up della cooperativa Idea nostra - è stato inaugurato un forno per il pane e i prodotti derivati dalle coltivazioni biologiche, tutti preparati con pasta madre.

A utilizzarlo saranno gli ospiti della struttura di borgo Scroffa, attorno alla quale gravitano 140 minorenni figli di genitori in difficoltà. Struttura unica nel Veneto - in italia ce ne sono 7 - dotata di laboratori, appartamenti e, da oggi, di un forno per la produzione di pane e dolci. Alimenti che, il 3 ottobre, verranno venduti nel negozio che aprirà i battenti in piazza delle Erbe, nel cuore della basilica palladiana. "E' un'occasione unica per imparare un lavoro e costruirci un futuro autonomo", hanno spiegato i giovani coinvolti. Alcuni di loro hanno iniziato a fare i primi turni sotto la guida del mastro fornaio Denis Segalina. Nella stessa bottega - disegnata dallo studio Albanese - che aprirà in centro, insieme ai prodotti biologici troverà posto un bar con merende e aperitivi.

Ultimo aggiornamento: 15:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci