Consulente finanziario scomparso a Castelfranco: dov'è Diego Perocco? Cosa sappiamo: cellulare, messaggi, chiamate, telecamere al setaccio

1 di 4
Consulente finanziario scomparso a Castelfranco: dov'è Diego Perocco?
CASTELFRANCO VENETO (TREVISO) - La macchina...

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
49,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO
 
ANNUALE
49,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
2 ANNI
99,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilgazzettino.it

1 Anno a 9,99€ 69,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive

CASTELFRANCO VENETO (TREVISO) - La macchina parcheggiata in piazza e il telefono spento da tre giorni: resta ancora avvolta nel mistero la scomparsa del consulente finanziario Diego Perocco. Sono ore di apprensione per la moglie Daniela e i figli Gianmarco e Leonardo che non vedono il 60enne da giovedì mattina. Al setaccio le immagini delle telecamere di videosorveglianza della città ma anche quelle dei privati. Proseguono le indagini dei carabinieri che oramai da due giorni stanno cercando di ricostruire gli ultimi spostamenti di Perocco.

1 di 4
Scia fuoripista, ragazzo di 16 anni travolto e ucciso dalla valanga ​in val Passiria
Tassista si “filma” mentre provoca moto ondoso che manda a sbattere tutti i mezzi ormeggiati, le bravate notturne finiscono in Rete
Bambina di 10 anni a scuola col niqab, la maestra lo fa togliere: il caso finisce in Senato
Accampamento abusivo di fronte alla carrozzeria, il titolare disperato: «In 20 dormivano davanti al nostro cancello, non ne possiamo più»
Delitto di Bovolenta, le famiglie di Sara e Alberto: «Adesso basta con quest’odio»