Incendio a Curtarolo. Morto Alessandro Paronitti. Colpa di un phon lasciato sul divano. Trovato dalla fidanzata Foto

La vittima è Alessandro Paronitti, macellaio padovano. Secondo i primi riscontri ad ucciderlo sono state le esalazioni: l'appartamento era pieno di fumo

Alessandro Paronitti

CURTAROLO (PADOVA) - Tragedia questa mattina a Curtarolo, in via Monte Cengio 26, dove si è sviluppato un incendio all'interno di un'abitazione ed è morto un uomo. Il proprietario, il 37enne Alessandro Paronitti, elitrasportato in ospedale a Padova, in grave pericolo vita è poi deceduto. La causa - secondo le prime informazioni - sarebbe di un phon lasciato acceso sul divano dal 37enne. A trovare la vittima esanime in casa è stata la fidanzata.

Incendio a Curtarolo: la vittima e i soccorsi

Il rogo si è scatenato dopo le 9.30, orario in cui i pompieri sono arrivati nell'abitazione. A quanto pare Alessandro Paronitti - macellaio nato a Grantorto e impiegato come macellaio a Limena - sarebbe morto a causa delle esalazioni. I pompieri arrivati da Cittadella entrati nell’appartamento invaso dal fumo, dotati di autorespiratore, hanno rinvenuto la vittima riversa per terra, che è stato portato fuori. I medici hanno tentato di rianimare il 37enne, ma purtroppo Alessandro non ce l'ha fatta. Le fiamme hanno interessato un divano all’interno di una stanza e sono state subito spente. Le cause dell’incendio sono ora la vaglio dei tecnici dei vigili del fuoco. Sul posto anche i carabinieri.

Alessandro trovato dalla fidanzata

Una scena straziante quella che si è trovata davanti agli occhi la fidanzata della vittima: la ragazza, non riuscendo a contattare telefonicamente il 37enne, ha deciso di andare a vedere di persona cosa stesse succedendo, avendo le chiavi di casa. La situazione è apparsa subito grave e sono immediatamente stati allertati i soccorsi.

 

 

 

Leggi l'articolo completo
su Il Gazzettino
Infarto durante la corsa, Carlo Alberto muore a 12 anni. Il papà: «Non ci hanno mai dato speranze, il destino ce l'ha strappato»
L'ultima foto di Carlo Alberto a Vittorio Veneto: era la sua prima gara. «Sarà intitolata a lui»
Venticinquemila veneti si sono contagiati due volte: perché ci si reinfetta, differenze tra Omicron e Delta
Covid in Veneto: 19.820 contagi e 36 morti. Negli ospedali oscillazioni Il bollettino
Covid, terze dosi "fantasma" in Fvg: vaccinazione fatta ma non registrata. E Green pass a rischio