San Biagio di Callalta. Imprenditore a 22 anni, peccato che il commercio sia di marijuana: in casa ne nascondeva ben 50 chili

San Biagio di Callalta, in casa il market della droga
SAN BIAGIO DI CALLALTA (TREVISO) - Imprenditore a 22 anni, ma decisamente sui generis, aveva infatto messo a punto un commercio di marijuana in una casa di San Biagio di Callalta....

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
49,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO
 
ANNUALE
49,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
2 ANNI
99,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilgazzettino.it

1 Anno a 9,99€ 69,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive

SAN BIAGIO DI CALLALTA (TREVISO) - Imprenditore a 22 anni, ma decisamente sui generis, aveva infatto messo a punto un commercio di marijuana in una casa di San Biagio di Callalta. Un commercio illegale finito male: nella giornata di lunedì 25 settembre i poliziotti della squadra mobile di Treviso hanno eseguito controlli nell'abitazione, trovando, ben occultata in diversi contenitori (piccoli bidoni) e in un furgone parcheggiato, 50 kg di marijuana. Ma non solo, gli agenti hanno scoperto che il giovane aveva anche uno specifico macchinario agricolo  da duemila euro che serviva per estrarre le foglie di marijuana.

Il proprietario dell’abitazione è un italiano di 22 anni, con alcuni precedenti di polizia, che è stato arrestato e si trova ora in carcere. La sua attività di spaccio prevedeva anche la vendita "al minuto", tant'è che sono stati individuati alcuni assuntori. Sul punto sono in corso ulteriori indagini da parte della Squadra Mobile.

Leggi l'articolo completo su
Il Gazzettino