Asili alternativi autogestiti, organizzati da gruppi di genitori "anti-vaccini"

Asili alternativi autogestiti  da gruppi di genitori "anti-vaccini"

di Mauro Favaro e Raffaella Ianuale

Sono confusi, preoccupati ed hanno paura di uscire allo scoperto. Sono i genitori che non vogliono sottostare all'obbligo vaccinale imposto dalla nuova normativa. Non tutti sono no-vax. Molti sono mamme e papà che sentono la necessità di avere tempi più lunghi e percorsi informativi più esaustivi prima di sottoporre i propri figli ai dieci vaccini imposti per legge. A costo di rinunciare alla frequenza dell'asilo. Così si organizzano come possono e stanno anche nascendo gli asili alternativi per bimbi non vaccinati. «Ho tre figli, il più piccolo che va già al nido non passerà ora alla materna perché non ho alcuna intenzione di sottoporlo a tutti i vaccini che vengono ora richiesti - racconta una mamma di Mestre - Certo è un problema, perché lavoro e dovrò trovare qualcuno che me lo tenga».

Per questo piccolo, così come per tutti quelli per i quali i genitori non presenteranno entro domani alle segreterie scolastiche un'autocertificazione o un appuntamento già preso per sottoporre il figlio alla vaccinazione, l'accesso a nidi e scuole dell'infanzia sarà precluso. «Non sono molte le famiglie che non hanno ancora presentato le autocertificazioni, siamo sull'ordine di una decina o poco più - dice Stefano Cecchin, presidente veneto di Fism, la Federazione italiana scuole materne che raccoglie 1043 asili e nidi nel territorio regionale - confidiamo che si regolarizzino altrimenti abbiamo già predisposto una nota di diniego all'accesso all'asilo da consegnare martedì mattina ai genitori». Un'esclusione che fa male agli educatori. «Mi auguro come insegnante che non venga negato l'accesso a nessuno, ma la legge va rispettata» dice Giuliana Leorato, docente storica nelle materne veneziane e referente per la Cgil.

Ma per organizzarsi, le famiglie che non hanno intenzione di vaccinare i figli stanno predisponendo strutture private autogestite. Sono gli asili no-vax. E sono già molto più di un'idea. Alcuni gruppi di genitori fra il Trevigiano e il Veneziano stanno lavorando con associazioni per mettere in piedi una sorta di nidi parentali per la fascia 0-6. Nessuno è ancora uscito allo scoperto in modo ufficiale, perché temono di essere perseguiti, ma il fenomeno è abbastanza diffuso: l'obiettivo è quello di aggirare la nuova legge che da una parte impone i vaccini e dall'altra impedisce ai piccoli non coperti di frequentare gli asili nido e le materne pubbliche o paritarie. I lavori di organizzazione procedono soprattutto via social network e whatsApp. Ad esempio nel Miranese in provincia di Venezia e nell'area tra Asolo e il Montello, nel Trevigiano. In alcuni casi sono già partite raccolte fondi per riuscire ad acquistare una struttura in multiproprietà dove allestire il nido no-vax. I diretti interessati preferiscono chiamarla scuola di comunità. «Vogliamo che l'educazione dei nostri figli sia coerente con i valori delle famiglie aderenti al gruppo» spiegano. Alla base del progetto c'è l'homeschooling, cioè l'educazione parentale. Si tratta di un sistema educativo contemplato dalla legge e le famiglie che vi aderiscono si assumono direttamente il compito di istruire i propri figli. Si rifanno all'articolo 30 della Costituzione: È diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli. «È dovere e diritto dei genitori sottolineano non dello Stato». Le famiglie che si assumono il compito di educare e istruire a casa i figli sono tenute a sostenere degli esami di valutazione con cadenza annuale. Senza contare che la legge non vieta agli under 16 non vaccinati di frequentare elementari, medie e superiori. Basta pagare una multa tra i 100 e i 500 euro. Intanto i contrari all'obbligo vaccinale si sono dati appuntamento per la manifestazione veneziana del 16 settembre.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 10 Settembre 2017, 05:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Asili alternativi autogestiti, organizzati da gruppi di genitori "anti-vaccini"
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2017-09-11 14:16:09
Auguro a questi "genitori consapevoli" ogni bene, ma il loro cammino è ancora molto lungo e di una cosa bisogna come genitori essere consapevoli: quasi mai i modelli educativi individuali ed eccessivamente personalizzati hanno poi generato ottimi frutti, anzi... I figli saranno gli esponenti di comunità umane che spesso i propri genitori non sono stati nemmeno in grado di immaginare, comunque good luck!
2017-09-11 13:18:44
"Problema" solo rinviato. Quando questi bambini dovranno accedere alla scuola dell'obbligo, che cosa succederà ?
2017-09-11 12:23:04
Quale fanatismo ? si vuole solo sapere cosa potrebbe capitare ai bambini. E nessuno lo vuole dire. In quanto alla scuola in casa, è prevista dalla Costituzione tale forma di istruzione, naturalmente alla fine dell'anno, da privatisti, sosterranno gli esami in una scuola pubblica.
2017-09-11 13:33:32
Le informazioni sui benefici (incalcolabili) e i possibili rischi (irrisori) dei vaccini sono disponibili presso qualsiasi pediatra o medico di famiglia, invece che rivolgersi alla Rete e ad altri genitori altrettanto fanatici e isterici.
2017-09-11 21:54:57
Non potranno,se non vaccinati,accedere ad una scuola pubblica fosse anche per sostenere gli esami. Dunque,a parte le multe salate,si troveranno pure senza alcun titolo di studio. Faranno i vegani....