Scafista arrestato e liberato dopo
2 giorni. Zaia: «Il sistema ha fallito»

PER APPROFONDIRE: caritas, profughi, scafista, treviso
Immigrati arrivati su un barcone
TREVISO - È accusato di essere uno scafista mischiatosi tra i profughi per sfuggire alle forze dell'ordine. La Direzione distrettuale antimafia di Palermo non ha dubbi: M.D., 27enne del Mali, è uno dei trafficanti di uomini tra la Libia e l'Italia. Era arrivato a Treviso nel 2011. Ospitato nella casa della Caritas di via Venier assieme agli altri profughi. Poi si era spostato in un altro paese europeo. Fino all'inizio di novembre, quando è tornato alla Caritas per il permesso di soggiorno. Nel frattempo la Dda di Palermo ha emesso un decreto di fermo. E a Santo Stefano la questura di Treviso l'ha arrestato: prima ha chiesto informazioni a don Davide Schiavon, direttore della Caritas, e poi l'hanno indotto a presentarsi in questura con il pretesto di consegnargli dei documenti. Ma per il giudice del tribunale di Treviso gli elementi trasmessi dall'antimafia non erano sufficienti. E così il 27enne è tornato in libertà dopo un paio di giorni. Ora è libero di circolare in base alla protezione sussidiaria (valida 5 anni) che gli era stata riconosciuta in attesa del permesso di soggiorno.

«Non si può spalare fango sulla Caritas - spiega don Davide - il ragazzo era arrivato qui nel 2011. Poi è andato via. È tornato ai primi di novembre. Ma è rimasto una sola notte. Non con i richiedenti asilo, bensì nell'accoglienza dei senza dimora. Non era uno dei nostri profughi». In questo lasso di tempo don Davide ha ricevuto la chiamata della questura: «La polizia ha chiesto informazioni su di lui e noi abbiamo detto quello che sapevamo. Non c'è stato alcun blitz per scovarlo: il ragazzo non è mai stato nostro ospite nell'ultimo periodo». Resta da chiarire cosa abbia fatto dal 2011 ad oggi. Secondo l'antimafia lo scorso maggio avrebbe guidato uno dei barconi della speranza dalla Libia a Lampedusa. «La vicenda conferma il fallimento totale del sistema di accoglienza predisposto da questo governo che riempie alberghi, caserme, appartamenti di fantasmi senza nome né storia - è il commento del presidente del Veneto Luca Zaia - servono leggi chiare e semplici che consentano a magistrati inquirenti di agire in fretta, senza incertezze né interpretazioni contro chi approfitta dell'ospitalità offerta per altri obiettivi».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 4 Gennaio 2016, 19:54






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Scafista arrestato e liberato dopo
2 giorni. Zaia: «Il sistema ha fallito»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2016-01-08 15:23:24
Il sistema ha fallito? Il sistema è scoppiato.
2016-01-06 16:43:33
Con il Cavaliere era tutta u'altra musica.
2016-01-05 21:09:49
.... il sistema funziona e come funziona.. che ha fallito è solo zaia e il suo blaterare alla luna... il fatto che non se ne renda conto lo squalifica ancor più...
2016-01-05 19:17:10
Zaia come ex ministro è parte integrante di questo sistema fallimentare...
2016-01-05 17:00:49
non sono le leggi che non funzionano quelle ci sono e sono valide. Quanto il berlusconi intendeva riformare il sistema giudiziario aveva ragione!