Bullismo a scuola, nei guai i genitori
dei ragazzini per i telefoni intestati

PER APPROFONDIRE: bambina, bullismo, pordenone, suicidio
Bullismo a scuola, nei guai i genitori  dei ragazzini per i telefoni intestati
PORDENONE  - Le indagini della Polizia di Stato sui presunti episodi di bullismo di cui sarebbe rimasta vittima la ragazzina di dodici anni di Pordenone potrebbe allargarsi ai genitori dei compagni di classe e dei coetanei per il mancato controllo dei figli minori. Lo si apprende da fonti qualificate della Questura. Seppur l'inchiesta sia nella fase preliminare - prima vanno raccolte le confidenze della vittima e setacciata la chat che i ragazzini usavano -, è emerso che le utenze utilizzate da alcuni dei ragazzini che avrebbero scritto frasi moleste sono intestate ai loro genitori, i quali pertanto non avrebbero esercitato il necessario controllo sugli strumenti di comunicazione messi a disposizione dei ragazzi. L'indagine è coordinata dalla Procura per i minori di Trieste. 
«Siamo una famiglia distrutta e ferita da quanto accaduto», ha detto il padre della ragazzina -
«nostra figlia ha bisogno di serenità e non possiamo permetterci un assalto mediatico. Ha dodici anni e deve stare lontano dai riflettori».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 19 Gennaio 2016, 11:57






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Bullismo a scuola, nei guai i genitori
dei ragazzini per i telefoni intestati
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER