Quattro furti in un mese, avverte
i “ladroni”: «Più nulla da rubare»

PER APPROFONDIRE: cartelli, distributore, furti, padova, protetti
Quattro furti in un mese, avverte
i ladri: «Più nulla da rubare»
PADOVA - Quattro furti in quattro settimane: l'esasperazione ormai si è impadronita dei gestori del distributore Eni, in territorio cittadino, sulla tangenziale che da Vigonza porta verso il casello di Padova Est. L'ultimo furto si è verificato nella notte tra lunedì e martedì.
 

Entrati in azione alle 22.45, i ladri sono entrati nel bar tabacchi attiguo al distributore. Non trovando molto, visto che i continui furti hanno reso i gestori molto attenti, hanno rubato delle caramelle, un prosciutto, alcune bottiglie, ma soprattutto hanno rovesciato tutti gli oggetti all'interno: «Sono molto, molto arrabbiata - spiega Nadia Rinaldi, che gestisce il distributore e che ha deciso di rendere evidente ai ladri il proprio stato d'animo con una serie di eloquenti cartelli - Ormai non ci sentiamo più protetti, la situazione è esasperante, non si può proseguire in questa maniera».

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 9 Marzo 2016, 08:44






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Quattro furti in un mese, avverte
i “ladroni”: «Più nulla da rubare»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2016-03-09 12:49:29
... vorranno accertarsene... torneranno di certo...
2016-03-09 10:50:11
Lo capisco. Anch'io, dopo il terzo furto (che non mi sono nemmeno data la pena di denunciare..tanto per le statistiche), ho venduto il poco che mi restava al Compro-Oro ed ora vivo tranquilla.
2016-03-09 10:34:36
Chiudere tutto. Chiudere tutto. Ormai è finita.
2016-03-09 09:47:14
E nonostante queste situazioni certi politici e certi elettori (in particolare di S.E.L.) continuano a difendere i delinquenti con leggi vergognose!!!
2016-03-09 09:24:16
D'altronde... basta che li guardi male che rischi la galera. Andrà sempre peggio, si spera solo non capiti a noi stessi, perchè tanto lo stato ci ha dimenticato in favore delle nuove risorse, quelle si che sono importanti, anzi... essenziali!