Dire «marocchino di m...» non è più reato: prima assoluzione in tribunale

PER APPROFONDIRE: belluno, ingiuria, reato, tribunale
Dire «marocchino di m...» non è più reato: prima assoluzione in tribunale

di Olivia Bonetti

BELLUNO - Dice «marocchino di m...» al vicino, ma non è più reato e viene assolto. La depenalizzazione di alcuni reati entrata in vigore il 6 febbraio ha salvato ieri mattina in tribunale Angelo Savi, 64 anni, di Belluno. L’uomo così è passato dall’essere imputato di fronte al tribunale in composizione collegiale, alla conseguenza di una semplice multa. Era accusato di ingiuria aggravata dalla discriminazione razziale perché nel 2014 avrebbe pronunciato quella frase a un giovane vicino di casa, che continuava a ronzare nella sua proprietà in sella a una bicicletta.

L’assoluzione di ieri è l’effetto delle disposizioni in materia di depenalizzazione a norma dell'articolo 2, comma 2, della legge 28 aprile 2014, numero 67. Una legge che ha cancellato 41 reati, che, come è apparso chiaro in aula, anche nel caso di aggravanti pesanti come quella dell’odio razziale assicura la non perseguibilità. Angelo Savi è stato assolto perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato e gli atti sono stati trasmessi al prefetto che dovrà quantificare la multa. In conclusione di udienza il procuratore Francesco Saverio Pavone che sosteneva la pubblica accusa ha commentato con un mezzo sorriso: «Con questo decreto c’è libertà di ingiurie». 



 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 11 Febbraio 2016, 11:49






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Dire «marocchino di m...» non è più reato: prima assoluzione in tribunale
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2016-02-12 14:20:32
Di la verità non è reato.
2016-02-12 06:35:54
In qualche ambiente solastico, nei momenti di assenza di sorveglianza , precedenti l'ingresso, l'intervallo, dopo il termine delle lezioni...scatta la scuola parallela...insegnamento di improperi in varie lingue.In tali momenti scolari e scolare in difficolta' nelle lettura ed esposizione nelle aule , esultano uscendo dallo stato di catalessi,..si scambiano la loro subcultura...mal che vada la parola nel titolo viene appresa in 10 lingue , compreso molto altro.Addirittura sul web esiste un dizionario mondiale delle offese, per chi non vuole scaricare le opere fuori diritto d'autore , tipo Delitto e Castigo, o trattati di Algebra moderna in 1200 pagine in inglese.
2016-02-11 19:36:11
Se ti danno del piddino è una offesa
2016-02-11 17:36:32
La sua era una semplice constatazione del comportamento del singolo non voleva offendere un popolo.
2016-02-11 16:09:05
L'assoluzione di ieri è effetto di...ma no, è effetto di buon senso e basta. Certe frasi si sono sempre dette. Basti pensare a tutte le prese in giro fra cittadini di città diverse o di regioni diverse tanto da arrivare a frasi ingiuriose e sfottò vari. Non c'era nessuna denuncia, non c'era nessun reato. Adessso con la presa del potere da parte del politicamente corretto non si può più parlare. Siamo abbondantemente arrivati al ridicolo e all'ipocrisia pura. Insomma incontro uno, mi colpisce con un diretto destro e io gli dico: vuoi che ti porga l'altra guancia, gentil pugilatore?