Il caso Tbc a scuola e il silenzio assordante dell'istituto

PER APPROFONDIRE: fermi, scuola, tbc
Il caso Tbc a scuola e il silenzio assordante dell'istituto
Caro Gazzettino, 
questa è la lettera che ho inviato al dirigente della scuola media Fermi di Zelarino che mi ha poi risposto in modo davvero poco soddisfacente. 

Egregio Dirigente,
sono la  mamma di  una studentessa della 2C. Mi trovo ad esprimerle il mio rammarico per come la scuola sta gestendo il problema TBC. Io sono venuta a conoscere dell'accaduto  tramite una conoscente e poi la conferma dal Gazzettino. Subito ho contattato un pneumologo all'ospedale all'Angelo di Mestre. Sono stata abbastanza rassicurata, ma mi ha fatto presente che la sicurezza sarebbe derivata se avessi potuto dargli maggiori informazioni sul caso. Subito ho risposto (ingenuamente!) che sicuramente la scuola mi avrebbe messo in tale condizione e quindi l'avrei aggiornato.
Pensavo a un avviso sul libretto o a un incontro informativo aperto a tutti e chi riteneva opportuno, vi  avrebbe partecipato. Invece cosa è successo? NULLA! Un silenzio assordante.
Le uniche informazioni di cui dispongo sono quelle del Gazzettino. E poi gli insegnanti accusano i nostri figli di atteggiamento omertoso! Dovreste farvi un esame di coscienza! Sicuramente per l'allarme periodico pediculosi, troverò un puntuale avviso sul libretto.
Concludo dicendo che è la scarsa informazione che crea inutili allarmismi. A volte sprecare due parole su un problema si arriva alla soluzione. Riflettete sul consiglio ricevuto da una persona estranea alla Fermi ma comunque residente a Zelarino: " Mi raccomando insisti con tua figlia perchè non vada nel  bagno della scuola in questo periodo!"

Renata P.
Zelarino
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 27 Gennaio 2017, 19:17






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il caso Tbc a scuola e il silenzio assordante dell'istituto
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-01-30 10:30:58
Gentile Signora ha ragione al 300%. Purtroppo però la scuola ,nelle persone dei dirigenti e docenti ,troppo spesso sono omertose tanto quanto le caserme. Non c'è nulla di più pericoloso di una corresponsabilità che investa tutto un branco. Auguriamoci che non accada nulla agli altri studenti,prima per loro ovvio,poi perchè non avrebbero scampo avendo taciuto. In bocca al lupo.
2017-01-27 22:12:52
Credo che sarebbe stato doveroso da parte della presidenza scolastica emanare una circolare informativa a tutti i genitori degli scolari/e. Il silenzio non va bene,la responsabilità della dirigenza scolastica potrebbe subirne le conseguenze se uno studente dovesse presentare sintomi del male.