Alitalia, per il referendum si vota dal 20 al 24 aprile

PER APPROFONDIRE: alitalia, esuberi, referendum
Alitalia, per il referendum si vota dal 20 al 24 aprile
Si voterà a partire da giovedì 20 aprile alle 6 del mattino fino a domenica 24 alla mezzanotte. Sono questi i giorni nei quali i lavoratori di Alitalia saranno chiamati ad esprimersi sul pre-accordo firmato il 14 aprile, secondo quanto riferiscono fonti sindacali. Per il referendum non ci sarà un quorum. Saranno allestiti sette seggi: cinque a Fiumicino, uno a Linate e un altro a Malpensa.

La Uiltrasporti «lascia libertà di coscienza» per il voto al referendum sul pre-accordo siglato il 14 aprile: «non si schiera nè per il sì nè per il no». Così il segretario generale della Uiltrasporti, Claudio Tarlazzi, al termine dell'incontro sindacale in cui sono state stabilite le modalità della consultazione. «È una situazione molto complicata», spiega il sindacalista, facendo sapere che il quesito sarà «secco»: si chiederà «se i lavoratori condividono il verbale di confronto» siglato venerdì scorso.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 18 Aprile 2017, 15:40






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Alitalia, per il referendum si vota dal 20 al 24 aprile
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2017-04-18 20:39:17
Una impresa che non funziona la si chiude e basta, non la si mette a carico dei cittadini perché si deve per forza tenerla in vita.
2017-04-18 18:30:18
Palla al piede, regalatela ai francesi, ci costa meno!
2017-04-18 18:01:21
Per decenni i piloti e personale di bordo hanno percepito stipendi quasi doppi rispetto ai colleghi europei mentre i dirigenti si susseguivano lasciando macerie ma con buonuscite assurde : una fettina di debito pubblico e' stata divorata qui...
2017-04-18 16:41:38
Il referendum dovremmo farlo noi italiani, non loro privilegiati!!! Il referendum deve farlo chi paga le spese, non chi sperpera!!! Alitalia non ha mai guadagnato una lira nella sua non breve esistenza e continua a gravarci sul groppone, grazie ai nostri illuminati politici e ad un sindacalismo distorto che protegge i privilegi.