Libri sui gay all'asilo, ormai è guerra
Orsoni: «Seibezzi fa propaganda»

Elton John e il compagno con il figlio Zachary

di Paolo Navarro Dina

VENEZIA - Prima l’attacco con la lista dei libri sensibili con accenni alla cultura gay, alle famiglie adottate, alla cultura delle differenze (handicap, etniche, etc) da assegnare alle scuole materne e asili nido sul tema della famiglia lanciato dalla consigliera ai Diritti civili, Camilla Seibezzi; poi il piccato stop al progetto dell’assessora alle Politiche educative, Tiziana Agostini, se non prima di un’analisi da parte di una équipe psico-pedagogica dell’assessorato.



Tornato dal Sudafrica, il sindaco Giorgio Orsoni si è trovato subito la "patata bollente": «La consigliera Seibezzi ha la delega ai diritti civili ma non per fare propaganda. Di certo ora chiederò una verifica sulla vicenda». Immediata la replica da parte di Seibezzi: «Propaganda? - attacca la consigliera - A chi si riferisce? Agli ebrei? Ai musulmani? Alle donne? Ai neri? Ai bambini sordi? Ai ciechi? Agli omosessuali? Sono questi temi e soggetti trattati nei libri che abbiamo acquistato. I diritti di chi dovremmo tutelare se non quelli di tutti?».



L'articolo completo e altri servizi sull'edizione di Venezia/Mestre del Gazzettino in edicola e nell'edizione digitale, cliccando qui



Sabato 8 Febbraio 2014, 11:14






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Libri sui gay all'asilo, ormai è guerra
Orsoni: «Seibezzi fa propaganda»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2014-02-10 09:51:27
Volete prendervi cura dei nostri bambini ? leggete in quale sporcizia vivono i più piccoli. SCUOLE SPORCHE Murano, Burano e S. Erasmo: la beffa dell’errore del ministero Mancano soldi, protesta all’ora di merenda Lunedì 10 Febbraio 2014, Una merenda informativa come prima manifestazione di protesta. Le scuole di Murano sono in stato di agitazione. O meglio, i genitori del comprensivo Murano, Burano e Sant\'Erasmo hanno organizzato per oggi due appuntamenti per informare e sensibilizzare la cittadinanza sulla questione pulizie. Infatti, nell\'istituto comprensivo delle isole della laguna nord la situazione appare più grave che nelle altre scuole del centro storico: alla decurtazione dei fondi da 35 a 22 mila euro si aggiunge infatti un errore formale, di trascrizione, da parte del Ministero dell\'istruzione di ulteriori 7mila euro che non sono stati stanziati. E, nonostante i solleciti da parte del dirigente scolastico, Marco Tombi, e della presidente del consiglio d\'istituto, Valentina Serena, ad oggi nulla si è mosso. Per il mese di febbraio, quindi, le pulizie sono in qualche modo coperte, ma dal primo di marzo non si sa cosa succederà. Lo scenario potrebbe essere quello che bambini e docenti hanno già vissuto nelle scorse settimane, ossia bagni chiusi un\'ora prima dell\'orario scolastico, palestre inagibili e poche aule pulite. Ma dal primo di marzo sta ventilando anche l\'ipotesi di una riduzione dell\'orario scolastico. Il primo appuntamento è quindi oggi alle dalle 15,30 alle 16 alla scuola materna principessa Maria Letizia, il secondo è dalle 16.15 alle 17 alla scuola elementare Cerutti. «Ai genitori chiediamo la massima partecipazione - afferma Serena - perché i nostri figli sono il futuro di Murano e questa situazione è vergognosa. In questa occasione parleremo anche dell\'organizzazione del presidio che si svolgerà sabato 15». Manuela Lamberti
2014-02-09 21:56:45
lapaoletta2008 Ineccepibile...commento da incorniciare... complimentissimi... strepitosa...
2014-02-09 19:31:36
Basta non se ne può più ! Adesso saltano fuori anche i libri delle fiabe educative contro le \" diversità \" da dare ai bimbi all\'asilo. Prima di tutto sarebbe utile sapere con quali soldi vengono acquistati, visto che il comune piange sempre il morto dicendo che non ci sono soldi per nulla. In secondo luogo di questo passo i veri discriminati sono già da tempo i comuni cittadini che hanno la cittadinanza italiana, vivono del loro modesto lavoro , quando hanno la fortuna di averne uno, hanno gusti e preferenze sessuali \" normali \" , non delinquono, pagano regolarmente le tasse, e soprattutto stanno sempre zitti di fronte alle immense cavolate che gli vengono propinate dai politici. Sarebbe il caso di lasciare in pace almeno i più piccoli, che di pensare ai gay e compagnia bella avranno tempo quando saranno più grandi. Anche perché tutte queste categorie di \"diversi\" hanno bellamente stufato e si sono di fatto trasformate da discriminate a vere e proprie lobbies molto potenti che stanno indirizzando fin troppo il sistema politico del nostro paese, che con la speranza di racimolare qualche voto in più si attacca a tutto.
2014-02-08 23:13:10
F,Facci Bravo Facci. Condivido tutto. Non è perchè una cosa succede, perchè esiste, e allora vuol dire che è giusta e che bisogna sdoganarla....Se è per questo l\'omicidio c\'è sempre stato...fin da Caino e Abele....ma a nessuno passa in mente di legalizzarlo solo per il fatto che è sempre avvenuto.
2014-02-08 19:50:12
Seibezzi, arroganza nel voler imporre propri modelli culturali a tutti.... ...ammettiamo pure che per il rispetto dei diritti delle minoranze, e con adeguati tempi di metabolizzazione, un domani possano essere introdotte modifiche agli assetti dei modelli di vita preesistenti - ad esempio una definizione delle relazioni gay - .......altro è la personale iniziativa, con l\'aggravante dell\'utilizzo di danaro pubblico, di voler imporre \"manu militari\" le proprie \"visioni\" culturali a tutti prima del tempo e, quello che è più odioso, più della protervia di tale atteggiamento, il farlo nei confronti dei soggetti più indifesi e permeabili....i bimbi, a dispetto anche dei genitori. Pollice verso e adeguati buuuuh di vergogna e scherno per Seibezzi, inutile chiederne le dimissioni perché malafede e arroganza non si dimettono mai