La mamma di Irina inuagura la sala del commissariato dedicata alle vittime di violenza

Giovedì 24 Novembre 2022
Video

CONEGLIANO - A Irina Bacal, giovanissima vittima di femminicidio, brutalmente uccisa dal suo fidanzato tre anni fa, è stata intitolata la stanza di ascolto protetto all’interno del commissariato di Conegliano. La camera, allestita dall’associazione Soroptimist Club di Conegliano e Vittorio Veneto nell’ambito del progetto “Una stanza tutta per sé”, è stata arredata per ospitare le vittime di violenze, adulte e minori. «Ringrazio l’associazione e la Polizia per il riconoscimento a mia figlia – ha detto Galia Bacal, mamma di Irina – Così non sarà dimenticata». Lei di certo non dimenticherà mai quello che è accaduto alla sua bambina e al nipotino che portava in grembo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci