Azzolina: «Il 92,58% dei docenti ha avuto formazione digitale»

Mercoledì 18 Novembre 2020
Video
1

«Difenderò, nel faticoso bilanciamento dei diritti che l'attuale pandemia impone, gli studenti e il loro diritto allo studio, avendo chiaro quanto sia fondamentale, per il futuro delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi, garantire che l'attività didattica sia svolta in presenza».

Lo ha detto la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina intervenendo al question time alla Camera ed ha aggiunto: «Ritengo che la didattica digitale rappresenti oggi un'occasione e una sfida per ripensare la scuola del futuro. In tal senso, le risorse investite per la didattica digitale integrata - a valere sul Piano nazionale scuola digitale e sulle risorse PON - ammontano a 413,9 milioni con cui sono stati finanziati 34.183 progetti autorizzati».

«Con i provvedimenti varati nei mesi precedenti - ha proseguito Azzolina - il Governo ha stanziato apposite risorse dedicate proprio alla formazione del personale scolastico sulla didattica digitale integrata, coinvolgendo oltre 572mila docenti. Più dei 2/3 del totale. Abbiamo, inoltre, promosso il programma "Formare al Futuro", curato dai Future Labs, scuole polo per la formazione sul digitale, che ha consentito di formare on line, nei due mesi estivi, oltre 8.000 docenti attraverso 97 iniziative formative. E tale programma sta proseguendo con molti altri corsi. Entro l'anno sarà attiva la nuova piattaforma dedicata alle lezioni».

«Non bisogna sottovalutare neppure l'importante lavoro svolto dalle équipe formative territoriali - ha rimarcato - Docenti che svolgono nei territori una funzione di supporto e di accompagnamento alle scuole nella didattica digitale integrata. Infatti, sulla base delle rilevazioni effettuate dal Ministero, il 92,58% dei docenti è stato formato proprio dagli animatori digitali e dal team per l'innovazione nella propria istituzione scolastica e il 21,1% grazie alle attività svolte sui territori dalle équipe formative. Analoghi segnali positivi si evincono dall'uso della piattaforma nazionale Sofia e dall'esame delle scelte di acquisto realizzate dai docenti con la loro Card».

Ultimo aggiornamento: 19 Novembre, 13:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA