Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Allarme siccità nella Marca, Gentilini sbotta: «Inutile lamentarsi ora, bisognava agire prima»

Mercoledì 29 Giugno 2022
Video
2

TREVISO - «Inutile lamentarsi oggi della siccità dilagante nel nostro territorio, bisognava agire prima con politiche mirate». A dirlo è lo “Sceriffo” Giancarlo Gentilini, storico ex sindaco di Treviso e oggi consigliere comunale a Ca’ Sugana, che commenta così la penuria di acqua che ormai negli ultimi giorni ha colpito anche la Marca trevigiana. «Stiamo parlando di fenomeni atmosferici che si ripetono, come settanta anni fa - chiosa Gentilini – Fin da quel momento ci sarebbero dovuti essere interventi per ovviare, anche nel futuro, a questa penuria di acqua. In primis, bisognava sistemare gli acquedotti visto che oggi ci sono perdite al 50%. Poi, si doveva pensare a realizzare nuovi laghi artificiali come le Bandie e usare le idrovore per irrigare dove necessario. Qui non si è fatto niente, dallo Stato alla Regione e fino ai Comuni. Nessuno si è mai interessato e quindi oggi le loro lacrime sono solo di “coccodrillo”. Che si vergognino!».

Intervista di Brando Fioravanzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci