Calenda: «Emergenza sanità, mancano 63mila infermieri e 20mila medici. Qui si deve intervenire» - Video

Giovedì 24 Novembre 2022
Video
2

TREVISO  - «Per quanto la sanità possa andare meglio in alcuni territori, oggi ci mancano 63mila infermieri e 20 mila medici, e ogni anno il deficit aumenta di 4mila unità» ha ricordato oggi a Treviso il leader di Azione, Carlo Calenda, a proposito della ripartizione delle risorse nella manovra.

«Se mandi in pensione 42 mila persone prima ma poi quelle persone si devono pagare in pieno la sanità - ha aggiunto - non fai loro un grande piacere».

Candidatura a Treviso

Per il leader di Azione, Carlo Calenda, «un'allenza con Conte è una delle opzioni possibili» trovare un accordo con il sindaco uscente di Treviso, il leghista Mario Conte. «Prima - ha precisato Calenda - ascolteremo il territorio. Sono qui anche per un confronto, in grande libertà di pensiero, per ragionare concretamente sulla valutazione del lavoro svolto dal sindaco». Alla presentazione del libro di Calenda nel capoluogo della Marca, ha presenziato lo stesso Mario Conte.

Ultimo aggiornamento: 20:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci