Pfas trovato nel 75% dei contenitori per gli alimenti dei fast food: effetti su bambini e donne in gravidanza

Lunedì 24 Maggio 2021
Video

Non c’è catena di fast food che si salvi dall’ultimo studio condotto a livello europeo sui contenitori utilizzati per gli alimenti. Uno studio europeo, che ha riguardato gli imballaggi usa e getta comunemente utilizzati per gli alimenti da asporto, accende un campanello d’allarme da non ignorare: i tre quarti dei campioni sottoposti a indagine contengono Pfas. Su un totale di 42 campioni, infatti, in ben 32 è stata rilevata la presenza di sostanze perfluoroalchiliche (Pfas o acidi perfluoroacrilici).

 

 

Gli effetti

 

Sono composti chimici derivati dal petrolio che sono interferenti endocrini e, quindi, possono avere ripercussioni sul sistema riproduttivo. In particolare, possono danneggiare bambini e donne in gravidanza.

Il danno che ne deriva ha una doppia ricaduta: la prima sulla salute umana, la seconda sull’ambiente per l’inquinamento delle acque. La richiesta avanzata, a questo punto, è quello di un intervento da parte dell’UE che bandisca queste sostanze. Music: “Perception” from Bensound.com


ATTENZIONE A QUESTO ADDITIVO NEGLI ALIMENTI PER BAMBINI

"La dieta naturale": restare in forma sprigionando energia fisica e mentale

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 25 Maggio, 08:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA