Aggredì militare a Campo Marzo: 23enne rimpatriato in Nigeria

Controlli della Polizia a Campo Marzo

di Luca Pozza

VICENZA - La Polizia di Stato ha eseguito il provvedimento di espulsione, emesso dal Prefetto di Vicenza, nei confronti di Theophilus Odijie, cittadino nigeriano di 23 anni, che è stato accompagnato nella tarda serata di ieri alla frontiera aerea di Bologna dove è stato imbarcato su un volo diretto al Paese di origine.

Lo straniero, già condannato per reati inerenti gli stupefacenti, circa un mese fa aveva aggredito, assieme ad un altro connazionale, un militare dell’Esercito Italiano, di pattuglia a Campo Marzo, costretto poi a ricorrere alle cure dell'ospedale San Bortolo. Il Questore berico, Giuseppe Petronzi, alla luce della ritenuta pericolosità sociale dimostrata dal'uomo, ha disposto che il competente Ufficio Immigrazione della Questura avviasse l’istruttoria per il diniego del titolo di soggiorno. Un iter che non è stato tuttavia facile: lo straniero era stato infatti precedentemente riconosciuto beneficiario di protezione per motivi umanitari in quanto padre di figlio minore.

La procedura si è conclusa positivamente in tempi brevi con la successiva espulsione ad opera dei poliziotti della Questura.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 5 Giugno 2018, 14:46






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Aggredì militare a Campo Marzo: 23enne rimpatriato in Nigeria
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-06-05 20:33:19
per essere rimpatriato ............si con una fedina da mezzo criminale , forza allora la speranza è l' ultima a morire
2018-06-05 20:21:13
il pd ci ha portato dentro la marea nera , non posso pensare al degrado importato e la crisi del paese ........
2018-06-05 16:13:21
La pacchia è finita ed è finito pure il PD
2018-06-05 20:37:45
Da Wikipedia : La separazione (o divisione) dei poteri è uno dei principi fondamentali dello stato di diritto e della democrazia liberale. Consiste nell'individuazione di tre funzioni pubbliche nell'ambito della sovranità dello Stato – legislazione, amministrazione e giurisdizione – e nell'attribuzione delle stesse a tre distinti poteri dello stato, intesi come organi o complessi di organi dello Stato indipendenti dagli altri poteri: il potere legislativo, il potere esecutivo e il potere giudiziario.