Coppia bassanese di sposa
nella gipsoteca del Canova

Lunedì 14 Luglio 2014
I neoconiugi bassanesi
2

BASSANO - Il "sì" più bello della vita pronunciato in un simbolo della bellezza: ecco il matrimonio in Gipsoteca. Sabato è stato celebrato il primo matrimonio civile nella Gipsoteca del Canova a Possagno. Per la prima volta il celebre polo museale canoviano viene aperto a iniziative diverse da quelle strettamente culturali. A dire sì, davanti al sindaco Gianni De Paoli ed a fianco di un monumentale gesso del Canova, una coppia di professionisti bassanesi. Al termine della cerimonia, il brindisi offerto agli ospiti nel giardino della gipsoteca, proprio a fianco della celebre pianta interrata negli anni di Antonio Canova.

Quando i due promessi sposi hanno manifestato l'intenzione di sposarsi in gipsoteca, Renato Manera vicepresidente della Fondazione, ed i suoi collaboratori hanno mandato i due richiedenti in Municipio perché è lì che c'è la sala deputata al rito civile. Nel frattempo, però, tra i due enti è stato trovato un accordo e stipulata una convenzione che appunto dall’altroieri consente che i matrimoni civili si possano celebrare anche in gipsoteca. Orario tuttavia vincolato e cioè solo dopo la chiusura, che al sabato è alle 18. Così sono stat celebrate queste prime nozze in una location molto, molto particolare. «È una svolta storica - commenta Manera - l’inizio di un’apertura ad iniziative speciali che interessano la società civile».

Ultimo aggiornamento: 15 Luglio, 10:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA