Truffa online: il sito inidica "accredito effettuato" ma è un defacement

La vendita online dei soldatini gli costa molto cara: "accredito effettuato" ma la realtà è un'altra
VICENZA - Truffa online al contrario, con inganno telematico: il gabbato è il venditore, nel caso un 27enne residente in città. Il giovane nei giorni scorsi aveva posto su un sito di scambi online un annuncio per vendere a 450 euro il centinaio di pezzi della sua collezione di Warhammer (gioco di ruolo con soldatini e macchinari da guerra in miniatura). Non è mancata l’offerta d’acquisto. Il sedicente compratore ha utilizzato un falso certificato di pagamento con una carta paypal inesistente e si è fatto inviare la collezione, senza pagare. Il 27enne ha inviato la merce dopo avere ricevuto sul sito la conferma "accredito effettuato". Falso, perché il sedicente compratore, esperto d’informatica, ha utilizzato un "defacement", un sistema illecito per cambiare la home page di un sito web. È spesso utilizzato per indurre un utente a collegarsi alla pagina di un istituto di credito per rubargli le coordinate bancarie. Nel caso della collezione di soldatini il sedicente compratore ha inviato al venditore una mail con il layout del sito utilizzato per l’annuncio con la conferma di avere eseguito il bonifico. Scoperta la truffa il 27enne si è recato in questura e ha presentato denuncia.   
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 1 Febbraio 2019, 08:37






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Truffa online: il sito inidica "accredito effettuato" ma è un defacement
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 22 commenti presenti
2019-02-02 08:50:53
Siamo alle solite. Si prevedano pene pesanti senza condizionale per questi reati. Non c'e' altro deterrente. Non ci si puo' difendere e questo e' un'aggravante
2019-02-03 00:38:21
Ci si puo' difendere evitando di seguire i link ricevuti per posta, oppure imparando il nome del dominio a cui si accede per gestire i propri soldi e controllandolo prima di inviare le credenziali.
2019-02-01 18:12:32
A questo punto siamo arrivati. Io sono anni che acquisto on line. Ma acquisto esclusivamente con case produttrici di nome e conosciute da tutti.
2019-02-01 16:39:27
Mi è capitato lo stesso e sono andato alla Polizia Postale. Mi hanno detto che non hanno proprio il tempo di star dietro a queste migliaia di “ truffe”
2019-02-02 09:45:06
I reati sono in calo. Grazie. Quando ti rispondono cosi', la prossima volta neanche perdi tempo ad andare in caserma o in questura. italia