Dall'Algeria l'imam espulso condanna
i terroristi: «Sono fuori dall'Islam»

PER APPROFONDIRE: agora, condanna, espulso, imam, rai tre, schio, terroristi
Sofiane Mezzereg e il centro di preghiera islamica a Schio
SCHIO - E' stato espulso per aver esagerato nelle sue prediche. Per il sospetto che educasse i bambini a una dottrina radicale e islamista, con infarinatura di jihad, e che li inducesse a non ascoltare la musica inducendoli a tapparsi le orecchie. Ma ora dall'Algeria, dove è tornato, l'ex imam di Schio, Sofiane Mezzereg, che conduceva il centro culturale musulmano "La guida retta", fa sapere di essere totalmente contrario alla violenza e al terrorismo. Intervistato dal giornalista Diego Neri, Mezzereg ha dichiarato che "il terrorismo è una piaga" e che i terroristi "sono usciti dalla retta via dell'Islam, che predica pace e vita e non guerra e morte".



Mezzereg condanna ogni attentato e esclude che l'interpretazione del Corano da parte dei terroristi sia ammissibile. Vittime innocenti le persone uccise a Parigi e i terroristi devono pentirsi ed essere incarcerati, dice. Quanto alla sua vicenda, che fece anche arrivare a Schio una troupe di Rai Tre per Agorà, spiega di non voler tornare a Schio: "Sto bene qui in Algeria con i miei. Sono convinto di non aver fatto del male, ma una brutta figura per cui al momento non vorrei tornare in Italia".
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 21 Novembre 2015, 15:29






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Dall'Algeria l'imam espulso condanna
i terroristi: «Sono fuori dall'Islam»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2016-07-27 16:42:14
Non ne sentiremo certo la mancanza.... Massimo rispetto per tutte le religioni, ma visto che il rispetto dovrebbe essere sempre reciproco se si viene in Italia e soprattutto se si rimane per anni bisognerebbe sapersi integrare e rispettare le leggi, la cultura e sopratutto il popolo del paese dove si vive. Vale per gli italiani quando vanno all'estero e dovrebbe valere anche per gli stranieri quando vengono a vivere in Italia. E' una semplice questione di buon senso.