Pfas: «Nuove sostanze nell'acqua, chiederemo il sequestro di Miteni»

Venerdì 6 Luglio 2018
2
VICENZA - «Chiediamo alla Procura l'immediato e definitivo sequestro di Miteni, nonché azioni esemplari nei confronti di chi ha approvato dapprima e taciuto poi la lavorazione da parte di Miteni di residui tossici contenenti Genx, permettendole addirittura lo sversamento».

Lo afferma oggi in una nota il coordinamento "Mamme no-Pfas", commentando la notizie relative a una nuova sostanza rilevata a valle delle lavorazioni dello stabilimento di Trissino (Vicenza). «Di fronte a questa terribile ed inquietante notizia - prosegue la nota - possiamo affermare con certezza che non solo sono mancati i dovuti e necessari controlli ma, cosa ancor più grave, in piena emergenza Pfas Miteni è stata autorizzata a lavorare questo agente contaminante chiamato Genx, utilizzato dall'industria in sostituzione dei Pfoa. Apprendere che potrebbero essere stati autorizzati anche altri veleni ci fa infuriare, la nostra indignazione è al massimo ed ora vogliamo risposte. Chiediamo subito e con estrema urgenza un incontro chiarificatore con tutti i vertici regionali». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci