Colpo di pistola: muore in casa. Svolta del Ris: omicidio. Ex marito interrogato, fermato e indiziato

Giovedì 29 Novembre 2018
Angelo Lavarra e Anna Filomena Barretta
13

MARANO VICENTINO - Si toglie la vita nella casa dove ancora viveva con l'ex marito a Marano Vicentino sparandosi un colpo in testa dopo un litigio, almeno così sembrava, prima della svolta sulla morte di Anna Filomena Barretta, 42 anni: dopo un interrogatorio il marito separato, Angelo Lavarra, 43 anni, è stato sottoposto a fermo e indiziato per "omicidio". A far cambiare direzione alle indagini le analisi tecniche e scientifiche dei Ris di Parma che avrebbero raccolto indizi tali da poter escludere la prima ipotesi, quella del suicidio.

LA TRAGEDIA Separata da un mese, 42enne si uccide con la pistola dell'ex
IL DETTAGLIO La pistola usata da mani esperte: è stata "scarrellata"

Anna Filomena Barretta è stata trovata uccisa da un colpo di pistola alla testa il 20 novembre scorso. Quando Lavarro, guardia giurata, raccontò di aver trovato il cadavere della donna si pensò inizialmente ad un suicidio. Oggi, dopo un lungo interrogatorio, l'uomo è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto per omicidio. La svolta è maturata al termine di serrate indagini, condotte dal nucleo investigativo del comando provinciale e della compagnia dei carabinieri di Thiene, con l'ausilio tecnico scientifico del Ris di Parma, intervenuti sul luogo del fatto, a Marano Vicentino. Gli indizi raccolti hanno permesso di escludere l'ipotesi del suicidio. Il colpo d'arma da fuoco era stato esploso dalla pistola d'ordinanza della guardia giurata; l'uomo aveva detto di aver lasciato incustodita l'arma. Il Gip sarà chiamato nelle prossime ore a valutare gli elementi probatori raccolti contro Lavarro, ed eventualmente a convalidare il provvedimento restrittivo.

Ultimo aggiornamento: 30 Novembre, 14:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA