Su un sentiero in collina con la moto da cross: multa di 200 euro

PER APPROFONDIRE: brendola, motocross, multa, sentiero, vicenza
Su un sentiero in collina con la moto da cross: multa di 200 euro
BRENDOLA - La passione di scorazzare in sella a un moto da cross su sterrati e sentieri è costata cara a un 47enne di Vicenza. Sorpreso dai carabinieri a percorrere un sentiero nella Pineta di Brendola all’uomo è stata contestata la violazione della Legge Regionale n. 14/92, che prevede il pagamento di una sanzione di 200 euro, perché si trovava a circolare, con un veicolo a motore in zona sottoposta a vincolo. Tale operazione degli uomini dell'arma rientra nell'ambito dei servizi finalizzati a prevenire, lungo i sentieri dei Colli Berici, l’utilizzo improprio da parte di motociclisti dei tracciati destinati agli escursionisti, per non mettere a repentaglio la loro incolumità oltre a danneggiare il patrimonio naturalistico e ambientale. I controlli proseguiranno anche nelle prossime settimane.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 4 Settembre 2018, 08:15






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Su un sentiero in collina con la moto da cross: multa di 200 euro
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 28 commenti presenti
2018-09-05 19:34:55
... volevo solo dire che manca il buon senso antico.. il giusto equilibrio e il credere che basti vietare per cambiare le cose.. l'amore per la ( propria ) terra non lo si insegna - impone per legge. ma... comunque sia fa piu danno un litro di sano diserbante che tutte le moto venete..
2018-09-05 13:23:21
... a parte il fatto che le moto che scorazzano ( sic ) sono di solito enduro o trial e non cross sono ormai e da anni davvero poche dal rumore ed inquinameto limitato. le bici fanno più danno perchè vanno ovunque e non solo sui tracciati, perchè i pneumatici sono lo stesso zigrinati e soprattutto perchè sono molte ma molte di più.. i veri attila ambientali dei monti ( man non solo ) sono le pestifere alchimie. il cemento facile e diffuso, l'asfalto legalizzato , il turismo massificato, le selve d'acciao ed elettrosmog e soprattutto le arbitrarie recinzioni ( tutte legalmente abusive ) che hanno reso il territorio simile ad un lager.. anni sessanta. ktm. maico, beta, husquarna e dkv ed era un sogno poetico e.. selvaggio.. nessun rimpianto. in quanto vissuti in sella..
2018-09-05 15:34:42
Ti sei dimenticato di sottolineare il maggior inquinamento delle bici, che notoriamente, specie coi carburatori sporchi, lasciano dietro certi fumi tossici, densi e maleodoranti che.... A parte gli scherzi: non che tu abbia torto nella seconda parte del post....ma non si puo' e non si deve cercare la colpa sempre altrove... sempre negli altri. Se c'è chi asfalta e costruisce dove non dovrebbe, chi recinta dove non si potrebbe e via discorrendo, cio' non giustifica comportamenti scorretti, anche se meno gravi ... Non e' che siccome Napoli trabocca (o traboccava....non so ora come ora) di immondizie abbandonate, io debba ritenermi legittimato e giustificato nello gettare per terra la lattina appena bevuta, perche' tanto: "ma si', una piu', una meno....."! E' il comportamento di ogni singola persona, individualmente presa, che poi, sommata a tutte le altre, fa la differenza, puo' fare la differenza.....DEVE fare la differenza!
2018-09-05 01:02:59
Mancava solo sentire che le mtb fanno più danni delle moto...
2018-09-04 20:47:41
Ogni tanto una buona notizia....