Migliaia di piante abbattute sul Massiccio del Grappa /Le immagini

Mercoledì 31 Ottobre 2018 di Roberto Lazzarato
Piante abbattute sul Grappa
4

GRAPPA-VALBRENTA. Passata l'ondata di maltempo e la paura, emergono gli incredibili danni causati dalle piogge torrenziali e dal vento in tutta la Valbrenta e sul Massiccio del Grappa. Le piante divelte, i pali delle linee telefoniche abbattuti, un traliccio piegato su sé stesso ad Oliero, hanno causato l’interruzione a lungo dell’energia elettrica e il blackout telefonico in molti comuni della valle e sul territorio del Grappa. Problemi di circolazione per frane, smottamenti, sradicamento di alberi, si sono verificati sulla statale 47 a nord di Primolano verso il Trentino e sulla deviazione in territorio bellunese verso Arsiè, sulla Cadorna che sale sul monte Grappa, sulla provinciale Campesana in destra Brenta e sulle strade comunali. Grazie all’intervento dei vigili del fuoco e delle squadre della protezione civile la viabilità è stata ripristinata.
 

 

Il Brenta ha invaso e in parte distrutto oltre 200 metri della ciclopista inaugurata solo da pochi giorni in località Contarini, in territorio di Campolongo e il sindaco Mauro Illesi ha assicurato che sarà messa quanto prima in sicurezza. Per il completo ripristino il problema sarà quello di trovare i fondi necessari. Vigili del fuoco e protezione civile impegnati a liberare il sottopasso allagato dall’esondazione del Brenta a Primolano minacciando anche la SS. 47 già ostruita in alcuni punti dalla caduta di piante. Migliaia di alberi sono stati divelti alla radice o schiantati lungo la statale Cadorna che sale sul Grappa e sulle vie di comunicazione tra le località Ponte San Lorenzo e San Giovanni e tra Campo Solagna e San Giovanni e Lepre in territorio rispettivamente d Solagna e San Nazario. Senza contare gli alberi abbattuti all’interno dei boschi. Sono intervenute le squadre di protezione civile di Romano d’Ezzelino e di Solagna che hanno ripristinato la viabilità con danni ingentissimi al patrimonio forestale. Sono stati divelti anche pali della luce e della linea telefonica causando l’isolamento del Massiccio. Ci vorranno settimane per ritornare alla normalità.

Ultimo aggiornamento: 19:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci