Finto investigatore privato sfodera la tessera (falsa): «Mostratemi tutti i documenti»

Municipio Malo

di Vittorino Bernardi

MALO - Il 46enne S.L., residente a Thiene, con precedenti per truffa, è stato denunciato in stato di libertà per esercizio arbitrario di professione. Ieri l’uomo si è recato in municipio al’ufficio anagrafe ed esibendo una tessera e una placca da investigatore privato dell’agenzia “Worldwide Investigation Bureau” ha chiesto di visionare della documentazione. L’impiegato allo sportello, sospettando qualcosa di losco, ha telefonato al 112. Controllato dai carabinieri intervenuti sul posto, S.L. è risultato sprovvisto di licenza: i distintivi sono stati sequestrati. Sono in corso accertamenti per capire a cosa servissero i dati richiesti dal 46enne.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 23 Marzo 2019, 10:15






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Finto investigatore privato sfodera la tessera (falsa): «Mostratemi tutti i documenti»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-03-23 19:32:53
Ormai, tra finti incaricati dell'enel, del gas o quant'altro che si presentano a domicilio esibendo anche il tesserino (che volendo uno se lo può stampare a casa con computer e stampante), l'unica cosa da fare per verificare se si tratta effettivamente di personale abilitato o truffatori è dire: "Aspetta qui un attimo, viste le numerose truffe in circolazione adesso chiamo i carabinieri che vengano qui e verifichino che tu sia effettivamente abilitato e non un truffatore". Se il soggetto è d'accordo e aspetta senza problemi i carabinieri che lo identifichino significa che non è un truffatore, se invece campa scuse e se ne va significa che è un truffatore e allora bisognerebbe se si può fotografarlo e/o fare una foto alla targa del mezzo che utilizza. Altrimenti si soccombe, dato che sono bravi a fregare le persone con la parlantina e modi gentili. Qui dalle mie parti uno di questi insisteva in un domicilio per entrare in casa e visionare le bollette (così carpiscono i dati e vi appioppano abbonamenti non richiesti) e la proprietaria ha dovuto minacciare i carabinieri per farlo desistere ed andare via. Non vedo altre soluzioni, e mi dispiace anche dover disturbare le forze dell'ordine per questi mentecatti.
2019-03-23 19:07:22
Ha chiesto di visionare alcuni documenti? Forse non ha la minima idea che l'accesso agli atti e' una procedura complessa e delicata, che si conclude in 30 giorni.
2019-03-23 18:29:33
La prima volta a piede libero può anche andare, ma la seconda no. Se ti arresto per lo stesso tipo di reato finisci in cella fino al processo!
2019-03-23 13:25:21
libertinaggiovich !