Il furbetto del cartellino viene scoperto: si dimette prima del licenziamento

Il furbetto del cartellino viene scoperto: si dimette prima del licenziamento
DUEVILLE - Un “furbetto del cartellino” dipendente del Comune in settimana si è dimesso dal suo incarico. Nei controlli di routine delle timbrature con badge in entrata e uscita la persona addetta alle rilevazioni ha riscontrato nelle scorse settimane delle anomalie per un dipendente. Segnalato è stato sospeso dal lavoro con una delibera di giunta perché avrebbe commesso azioni “rientranti nelle ipotesi previste dall'art. 55-quater, lettera a, del decreto legislativo numero 165/2001” che prevede il licenziamento disciplinare per giusta causa o giustificato motivo.

Come riporta il Giornale di Vicenza, nel caso specifico si tratterebbe di “falsa attestazione della presenza in servizio come a esempio mediante l'alterazione dei sistemi di rilevamento della presenza o con altre modalità fraudolente”. Con la sospensione dalla mansione è stato aperto un procedimento disciplinare nei confronti del dipendente che martedì 10 aprile è stato convocato dal segretario comunale Giuseppe Zanon per difendersi. Il giorno prima però il dipendente ha presentato la lettera di dimissioni a effetto immediato con data fine rapporto il 9 aprile. Nella lettera ha chiesto anche che non venga trattenuta l’indennità per il mancato preavviso e ha dichiarato che rinuncia alla facoltà di richiedere la riammissione in servizio. L’iter avviato dal Comune nei confronti dell’ex dipendente prosegue comunque, a termini di legge.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 13 Aprile 2018, 10:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il furbetto del cartellino viene scoperto: si dimette prima del licenziamento
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2018-04-13 18:09:14
Almeno ogni tanto qualche coscenza si sveglia..
2018-04-13 12:34:12
NoNosTaNTe i conTroLLi . Le Videocamere e GLi oCChi dei CoLLeGhi...., Si conTinua..., aLLora E' una QuesTione di STUPiDi , o , NoN Capisco iO.....
2018-04-13 11:39:27
NON spetta alla giunta la gestione dei rapporti di lavoro, sin dai tempi della riforma Bassanini. Se l'impiegato impugna la delibera riesce pure a farsela annullare. Il provvedimento corretto e' la determina dirigenziale.
2018-04-13 10:33:39
......facessero tutti cosi'....lascerebbero il TAR disoccupato.....e tutti contenti....!
2018-04-14 11:43:02
Facessero tutti così in veneto non lavorerebbe più nessuno...hahahahahaahahahahahaahaha....ciao enrico..ciao e segna, segna..ciao