Filo spinato ad altezza d'uomo sul sentiero, due ciclisti rischiano la vita: è allarme

PER APPROFONDIRE: bosco, filo spinato, schio, trappola, vicenza
Filo spinato sul sentiero del bosco. Due amici ciclisti rischiano la vita.Trappola mortale

di Vittorino Bernardi

SCHIO - A distanza di 10 mesi è tornato l‘incubo del filo spinato teso da ignoti delinquenti tra due alberi lungo un sentiero nei boschi nella località montana Cerbaro di Tretto, frequentato da ciclisti e appassionai di moto. Teso all’altezza del collo il filo spinato può rivelarsi una trappola mortale per chi si imbatte.
 


Hanno rischiato grosso i due amici di Schio L. P. e C. C. che domenica in escursione in mountain bike hanno notato all’ultimo metro la trappola. Passato lo spavento hanno girato un video che postato sulla pagina Facebook “Tretto emozioni da vivere” è ormai virale. Tolto il filo spinato e messo in sicurezza il sentiero i due hanno così commentato. «Ecco, qualche bastardo ha pensato di tiare il filo spinato sul Cerbaro, complimenti! Scampato pericolo per miracolo: del filo spinato all'altezza del collo può arrivare anche ad uccidere. Pazzesco». I due episodi dello scorso anno hanno prodotto altrettante denunce contro ignoti, senza risultato sull'identità dell'autore. La mano che ha teso domenica il filo spinato potrebbe essere la stessa dello scorso giugno.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 9 Aprile 2019, 09:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Filo spinato ad altezza d'uomo sul sentiero, due ciclisti rischiano la vita: è allarme
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 65 commenti presenti
2019-04-11 13:15:13
Il Consiglio di Stato con la sentenza della Sez. IV 10 gennaio 1997, n. 29 si è così espresso: "Le strade vicinali sono utilizzabili non solo dai proprietari confinanti, ma anche dalla collettività e, per essa, dal comune chela rappresenta. Pertanto è legittimo il provvedimento con cui il comune esercita il potere di autotutela possessoria ex art. 378, legge 20 marzo 1865, n. 2248 all. F e artt. 15 e 17 decreto legge luogotenenziale 1 settembre 1918, n. 1446, ordinando la rimozione delle opere che impediscono il transito attraverso una strada vicinale." "L'ordine di apertura al pubblico transito di una strada vicinale è legittimo anche se la strada non sia iscritta nell'elenco di quelle vicinali, poiché tale iscrizione ha funzione non costitutiva, ma meramente dichiarativa". Questa è il quanto, se un sentiero è segnato il privato non ha diritto di chiuderlo, punto. Studia bene pure tu che male non fa...
2019-04-10 19:44:15
.. i sentieri sul privato sono privati. punto. può esistere una servitù, una consuetudine o pure una convenzione. ma non sono e non saranno mai pubblici.. a meno che quel che è mio è mio e quel che è tuo pure.. studia che ti farà bene..
2019-04-10 12:37:52
coppertone e company, i sentieri anche se passano su appezzamenti privati sono pubblici e godono degli stessi identici diritti di una strada. Se il proprietario mettesse anche un tronco di traverso è passibile di multa (parlo ovviamente dei sentieri segnati) è altresì assodato che sono vietati ai SOLI mezzi motorizzati, perciò non diciamo fesserie, con la mtb si può tranquillamente girare per forestali e sentieri, che poi ci debba essere un codice etico sono d'accordo, ma purtroppo si sa, la mamma dei maleducati è sempre incinta...
2019-04-10 10:07:32
Chi ha steso il filo spinato è un criminale. Comunque, da notare il solco scavato dal passaggio delle biciclette su quello che prima era un sentiero. Sti rompiscatole ormai te li ritrovi dappertutto. Sui sentieri si va a piedi, non con moto e biciclette.
2019-04-10 07:42:46
Se certi proprietari di boschi e prati si lamentano delle piste da sci fondo che passano sui loro possedimenti..e chiedono un affitto...figurarsi per Mountain Bikers e motocross... Comunque vedo su rive di fiumi e prati confinanti e pure argini scoscesi usati per allenamenti di bici fuoristrada e abusivamente motocross, che la cotica erbosa non ricresce piu'...