Trovato cadavere sulla riva del lago. È il centralinista del Santo a Padova

Mercoledì 18 Aprile 2018
Trovato cadavere sulla riva del lago. È il centralinista del Santo a Padova
5
ARCUGNANO - Il cadavere di un uomo è stato rinvenuto trovato all'alba di oggi, 18 aprile, lungo le sponde del lago di Fimon, nel territorio di Arcugnano, uno dei comuni dell'hinterland di Vicenza. Molto probabilmente si tratta di un tragico incidente, ma la vicenda rappresenta un vero e proprio "giallo" visto che l'uomo non sarebbe stato solo e sul posto della disgrazia, sono state trovate numerose bottiglie di alcolici vuoteLa vittima è un 64enne residente nel Padovano, Lorenzo Casonato, centralinista della basilica del Santo a Padova.

A dare l'allarme, attorno alle 6.30, è stato un passante, in zona per una passeggiata con il suo cane, che ha allertato le forze dell'ordine dopo aver visto il cadavere, che si trovava a poche centinaia dal chiosco utilizzato soprattutto d'estate. Sul posto sono giunti i carabinieri con i colleghi della scientifica che hanno subito transennato la zona e tenuto lontani i curiosi. Sul posto sono accorsi anche i sanitari del Suem 118 che non hanno potuto che accertare il decesso, che risaliva a qualche ora prima: dopo l'autorizzazione del magistrato di turno, il  cadavere è stato rimosso e trasferito all'obitorio dell'ospedale di Vicenza. Gli stessi uomini dell'Arma, che per il momento mantengono il più stretto riserbo, hanno raccolto le testimonianze di alcuni pescatori, che avrebbero sentito le voci (secondo alcune indiscrezioni alcuni di loro non parlavano italiano), attorno alle 4.30, di un gruppo di persone proprio in riva al lago, dove poi è stato rinvenuto il corpo.

Al momento tutte le ipotesi sono aperte, ma come detto viene esclusa quella di una morte violenta. L'uomo sarebbe scivolato e dopo aver battuto la testa sulla piastra in cemento (come evidenziano le numerose tracce di sangue), avrebbe perso i sensi, finendo parzialmente sott'acqua. La causa del decesso potrebbe essere l'annegamento, anche se non si esclude un malore improvviso: l'autopsia, prevista domani o nei prossimi giorni, potrà fornire risposte certe. Ma se davvero qualcuno era con lui potrebbero esserci gli estremi per il reato di omissione di soccorso.
Ultimo aggiornamento: 19 Aprile, 11:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci