«Non asfaltate il sentiero lungo
il Brenta»: anche il Fai in campo

«Non asfaltate il sentiero lungo
il Brenta»: anche il Fai in campo

di Elena Ferrarese

POVE/ BASSANO - «Un milione 600 mila euro per andare a rovinare il Lungo Brenta? Senza dire niente ai residenti? Senza consultare nessuno? Non si spendono i soldi dei cittadini così!». È lo sfogo al Gazzettino di Maria Rosa Zanotto, Capo Delegazione del Fai (Fondo Ambiente Italiano), che del progetto della discussa ciclopista in territorio di Pove non ne sapeva niente. E anche oggi arrivano nuove polemiche. «Quando l’ho saputo, ho chiamato il referente di zona di Luca Ferazzoli (promotore dell’opera assieme al capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale Mariano Scotton), e non sapeva niente nemmeno lui. Non siamo contrari a sistemare la zona, ma tagliare alberi così e soprattutto asfaltare è vandalismo con spreco di soldi pubblici».

E aggiunge, come già lamentato dal consigliere dell’Unione Montana Valbrenta Daniele Andrea Nervo: «Non si può trattare in questo modo un progetto così importante, di valenza internazionale, presentandolo male. Vogliamo sapere a chi e in che modo è stato affidato il progetto. E vogliamo che sull’opera ci rimettano le mani e tolgano la voce ‘asfaltatura’ per un sentiero così particolare, un ambiente così delicato e amato non solo dai bassanesi, ma anche dai turisti. I sindaci si mettano una mano sulla coscienza».

Il Fai di Bassano si schiera, quindi, dalla parte del comitato “Salviamo il sentiero del Brenta” e dei cittadini che contestano la realizzazione del tratto di ciclopista in territorio di Pove, e lo fa aprendo la pagina “Lungo Brenta” nella sezione “I Luoghi del Cuore” per dare la possibilità a chi lo desidera di firmare la petizione. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 11 Agosto 2016, 15:51






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Non asfaltate il sentiero lungo
il Brenta»: anche il Fai in campo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER