Nuove grane per BpVi, Cattolica pronta a fare causa: ha perso 54 milioni

Giovan Battista Mazzucchelli, ad di Cattolica
VICENZA - Nuove grane in vista per BpVi. Cattolica Assicurazioni si prepara a ingrossare le fila dei soci che stanno facendo causa alla Popolare di Vicenza e mette nel mirino il prospetto dell'aumento di capitale del 2014, anno in cui la banca ha raccolto circa 1 miliardo di euro che, secondo i desiderata dell'allora presidente, Gianni Zonin, sarebbe dovuto servire a finanziare l'acquisto di Banca Etruria e Veneto Banca.

Cattolica, si legge nel progetto di bilancio, «ha deciso di verificare eventuali presupposti e condizioni per l'eventuale tutela delle proprie ragioni quale investitore in BpVi, con particolare riferimento all'operazione di aumento di capitale della stessa banca della primavera 2014 e al contenuto del relativo prospetto». Il parere chiesto ai consulenti legali ha evidenziato «la teorica sussistenza di dette ragioni risarcitorie» ma anche «l'opportunità di attendere, per l'avvio delle relative azioni, l'esito degli accertamenti e dei procedimenti sanzionatori nei confronti di ex esponenti di BpVi avviati dalla Consob sulla stessa materia».

Cattolica, prima di essere 'azzeratà dal fondo Atlante, deteneva una quota dello 0,89% nel capitale di Popolare di Vicenza, su cui negli ultimi due anni ha registrato svalutazioni per complessivi 54 milioni di euro. Lo scorso anno la compagnia ha deciso di recedere dagli accordi di bancassicurazione con Bpvi, che dovrà farsi carico di riacquistare le quote nelle società comuni se, come appare probabile, Cattolica eserciterà l'opzione put (vendita dei titoli) nei confronti della Popolare di Vicenza entro il termine del prossimo 10 maggio.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 31 Marzo 2017, 11:26






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Nuove grane per BpVi, Cattolica pronta a fare causa: ha perso 54 milioni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-03-31 14:24:47
E se questi furbo i delle banche avessero "convinto" a firmare il rimborso ai piccolini per dopo ricompensare in maniera "adeguata", con i fondi accantonati, gli azionisti con un certo peso? Mah...a pensar male si fa peccato però...
2017-03-31 14:04:23
Visto che l'articolo tratta delle Banche non dobbiamo dimenticare l'impegno profuso da una Forza politica italiana composta da persone serie e coscienziose, persone che non solo si sono battute nelle Aule Parlamentari e Regionali, ma che sono scese nelle piazze manifestando, per difendere le decine di migliaia di Risparmiatori sfortunati. Mi riferisco al M5S un Movimento che si differenzia, determinato, coerente e meritevole di fiducia e di sostegno.
2017-03-31 12:40:36
Banche assicurazioni compagnie petrolifere ovvero l'usura legalizzata!
2017-03-31 12:18:17
Potrebbero essere false comunicazioni al mercato...magari è un reato...magari CONSOB doveva oltre accendere un faro oltre che aprire gli occhioni belli?
2017-03-31 12:07:25
beh, potrebbero proporre anche a cattolica un 15 % di ristoro! poi vedremo cosa succede.