Il super traduttore della Bibbia svela
i suoi lati nascosti: «Non parla di Dio»

Il super traduttore della Bibbia svela i suoi lati nascosti: «Non parla di Dio»
BASSANO - È il libro più venduto della storia, quasi tutti ne hanno una copia in casa, pochissimi sanno davvero di cosa parla: è la Bibbia. In anteprima assoluta, giovedì 13 ottobre nel parterre della galleria incontri della libreria La Bassanese (largo Corona d'Italia), per Incontri senza censura arriva  Mauro Biglino, studioso da oltre 30 anni di testi sacri. Per le sue 17 traduzioni dell’Antico Testamento, richieste dall’editore San Paolo, ha studiato oltre a greco e latino anche la lingua biblica. Questa collaborazione editoriale iniziale si è conclusa una volta iniziata la carriera di scrittore e ricercatore in cui porta alla luce le sorprendenti scoperte fatte in 30 anni di analisi dei cosiddetti testi sacri che da sempre sono state omesse.
 
Conosciamo davvero com’ è giunta a noi la Bibbia, così come la leggiamo oggi? E’ possibile che le molteplici traduzioni teologiche giunte fino a noi fossero state tradotte con finalità ben precise? Nel suo ultimo libro “La Bibbia non parla di Dio” edito da Mondadori, filo conduttore della serata, lo studioso Biglino spiega che, se facessimo “finta che” gli autori biblici nell’Antico Testamento avessero voluto dirci proprio quello che è scritto senza interpretazioni successive, allora la comparsa di (un) Gesù, la storia dell’uomo e la sua creazione potrebbero essere completamente diverse, potrebbe venire alla luce un racconto nuovo, “volutamente dimenticato o interpretato dai teologi, allo scopo di nasconderci i potenziali effetti dirompenti”.

A proposito delle molteplici traduzioni della Bibbia arrivate sino a noi, ci sono termini e concetti che non erano nemmeno contemplati nella lingua biblica, quindi “la Bibbia non è un libro per teologi “- scrive Biglino -  “basti pensare che nella lingua ebraica non esistono i termini che indicano dio (nel senso inteso dalle religioni), eternità e creare (meno che mai creare dal nulla). Come si può quindi pensare che sia stato scritto un libro di “teologia” usando una lingua che non possiede neppure i termini identificativi dei concetti fondamentali di ogni forma di pensiero teologico, cioè dio, creazione, eternità”?
 
Le traduzioni e le ricerche di Mauro Biglino “fanno tremare teologi, rabbini e monsignori” in quanto, libere da dogmi e interessi di qualsiasi tipo, riportano senza filtri ciò che è contenuto nella Bibbia, presunto libro “divino” da sempre ritenuto sacro e ispirato da “Dio”. Con Biglino, durante la serata in libreria La Bassanese moderata da Marco Bernardi , “scopriremo che la Bibbia non parla di Dio, né di alcunché di divino, ma una storia “fisica” che svela un’ipotesi dirompente sull’origine dell’essere umano sulla Terra”. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 11 Ottobre 2016, 12:55






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il super traduttore della Bibbia svela
i suoi lati nascosti: «Non parla di Dio»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 69 commenti presenti
2016-10-15 21:09:35
@Steyer95. Complimenti per i commenti, ma vede ragioniamo sempre su informazioni che di certo non hanno nulla, se non la voglia di chi le cerca di credere a questo o a quello, e da qui il motivo della contesa. Lei parla di 12 tribù, altri di 10, Arthur Koestler (ebreo) da saggio di una tredicesima tribù, una tribù non certo di origini semitiche, dando la stura ad una ridda di sensi e controsensi, ipotizza origini diverse per la razza "eletta" non semitiche e quindi popoli di regioni da identificare dell'odierno Kazachistan Cazari appunto. L'autore del libro continua di seguito supportato da numerosi stagisti e cito testualmente:ma ciò non toglie che la grande maggioranza degli ebrei sopravvissuti nel mondo provengano dall'Europa orientale e siano perciò forse di origine prevalentemente Cazara . In questo caso, significherebbe che i loro antenati non provengano dal Giordano, ma dal Volga, non dalla terra di Canaan, ma dal Caucaso, ritenuto un tempo la culla della razza Arianna; dal punto di vista genetico sarebbero perciò più strettamente legate alle tribù degli Unni, ecc..... In conclusione si legge di tutto e si accetta quello che sembra più verosimile, pensate che sono considerati tradittori chi rivela gli insegnamenti del Talmud....Che dire un popolo che è sempre andato in maschera fin dagli albori.
2016-10-14 16:37:55
Tanto per cominciare, leggetevi " La favola di Cristo" di Luigi Cascioli, ex prete che aveva accesso agli archivi Vaticani e pertanto ne sapeva molte. Parla della non esistenza di Gesù ma anche abbondantemente della Bibbia, ossia una raccolta di manoscritti, scritti nell'arco di ben 1500 anni, mediante racconti tramandati a voce, da più scrittori, ovviamente con la scrittura del tempo e con la mentalità del tempo, che nulla conoscevano dell'universo e del mondo come noi adesso lo conosciamo. Tutti i libri antichi, religiosi e non religiosi, sono stati scritti con la mentalità del tempo ed in tutti mancano diverse pagine dell'originale, poi tradotti e completati secondo i propri criteri ed opinioni dai diversi traduttori di ogni epoca. --------------------------------------- Comunque devo dire, che per chi ci crede, la Bibbia non va interpretata a proprio modo ma va solo presa alla lettera, così come i mussulmani prendono alla lettera la parola di Allah nel Corano. La parola di Allah, non si può discutere, dicono e dato che è la parola di Dio è eterna ed immutabile. --- ---La stessa cosa deve dirsi della Bibbia, per chi ci crede, che essendo la parola di Dio non può essere messa in discussione, pena la squalifica ed il degrado di Dio stesso. Se Dio, dice che la terra è quadrata, la terra deve essere quadrata e non rotonda, com dice la scienza. Dio, nella Bibbia, dice che la terra è ferma e che tutto l'universo le gira attorno, cosa poi dimostrata al contrario, ma come faceva Dio a sbagliarsi così palesemente e non conoscere la verità?, ovvio, perchè la Bibbia non è la parola di Dio ma solo quella degli uomini, che con Dio non c'entra per nulla, perchè solo scritta con la mentalità e con le credenze del tempo.----- Dio della Bibbia caccia poi Caino dall'Eden dicendo che chiunque ucciderà Caino subirà il tal castigo. Si riferiva forse agli orsi o ai dinosauri, dato che non c'erano altri uomini in giro?, poi Caino si allontanò dall'Eden e nel paese di Noc trovò una moglie. E dov'era e chi era questa donna?, forse una scimmia o una gorilla? dato che non c'erano altri esseri umani creati? o si sono creati da soli in altri parti della terra, indipendentemente da Dio?. Chi me lo spiega questo?. Qui fa tutta acqua.--------------- I mussulmani direbbero che è la scienza che sbaglia, non Dio, il quale, essendo Dio, onnipresente ed ognisciente non può assolutamente mai sbagliare. Ovviamente per i cristiani è sempre facile interpretare a proprio modo. Però vedo una enorme ignoranza in materia da gente molto credente. Gente con cui ho parlato e che va sempre a messa, credendo ad occhi chiusi tutto quello che gli inculcano i preti, non hanno mai letto la Bibbia ed il Vangelo ed al mio dire che la Bibbia proibisce di fare immagine di figure sacre, che proibisce di mangiare carne di porco ed altri animai impuri, che nel Levitico Dio stesso dice di mettere a morte della gente per una serie di reati ridicoli, non ci credevano. Dopo aver fatto loro leggere questi passi, hanno solo riposto che quelle sono fandonie, che sono cose ridicole, che sono assurdità, che sono solo allegorie, che non può essere vero e se fosse vero bisogna interpretarle in altro modo. Bel modo di penare per i credenti e per dribblare sulla questione. ---------------- Se non altro i mussulmani, che non approvo di certo, sulla questione sono molto più coerenti, così come pure i Testimoni di Geova, che non interpretano ma solo prendono alla lettera quando detto dal loro Dio-Geova. ---------Se la parola di Dio fosse solo interpretata, allora si avrebbero centinaia di interpretazioni a seconda del proprio modo di pensare ma soprattutto del proprio tornanconto morale. Proprio un bel modo.
2016-10-14 01:38:53
L'ho sempre detto ed intuito che la Bibbia non è altro che una bufala. Scritta per oltre 1500 anni dagli ebrei del deserto è chiaro che è loro pura invenzione così come lo è l'Iliade di Omero. Gli ebrei avevano bisogno di un collante che tenesse unite le 12 tribù d'israele, sempre in conflitto fra loro e così si sono inventati i libri sacri, le scritture sacre, poi culminate nella Bibbia e già che c'erano, si sono pure eletti Popolo preferito da Dio, il quale dall'alto delle nuvolette del cielo, ovviamente senza precipitare essendo leggero come puro spirito, partecipava pure alle battaglie che gli ebrei facevano contro i loro nemici, incitandoli e gettando sassi e fulmini contro gli avversari. Ordinava pure agli ebrei di andare in tal villaggio, loro nemico e di sterminare ogni essere vivente, donne, vecchi e bambini, immemore che pure questi li aveva creati lui. Che poi la Bibbia attuale non sia minimamente uguale alla originale, credo che sia più che ovvio. La scrittura ebraica non contemplava mettere le vocali e pertanto una parola senza vocali si poteva interpretare in molti modi, inoltre un detto comune di quei tempi voleva dire molte cose diverse dai tempi attuali, poi subentrava la Chiesa che con i suoi frati Certosini la faceva duplicare in molte copie a mano e sicuramente, senza sicuramente, cancellare e modificare a suo piacere tutto quando gli era nocivo e includere tutto quanto gli era a suo tornanconto. Pure un prete a cui gli avevo rivolto questa osservazione, un pò sarcastico mi disse di lasciar perdere la Bibbia e di credere solo al Vangelo ma avete mai letto la Bibbia?, un enormità di incongruenze, di contrapposizioni, a partire dalla creazione del mondo e dell'uomo, di un diluvio universale mai potuto esistere, di un Dio che fa una cosa, poi si pente e la disfa, che fa credendo una cosa ma che poi si risolve in un'altra ma questo Dio, essendo onnisciente, sapeva o non sapeva tutto del futuro?. Mah.... solo con la fede cieca uno può crederci.
2016-10-13 20:50:12
non c'è speranza... ora cita pure il Talmud elucubrando dopo aver magari dato un'occhiata a siti di telekabul o roba simile. secondo me manco vive in italy, perché è talmente disorientato e disinformato da riuscire addirittura a suscitare una qualche simpatia:) #Fiocchi: mira che A.Einstein era ebreo, e non di origini ebraiche. frequentava una scuola cattolica, ebbeh? pure io, e nella mia classe eravamo in 2 (forse 3, ma transeat). simpatie per Gesù (Yoshua ben Yoseph)?... perché no? in fondo i concetti ribaditi sono quelli cardine dell'ebraismo, tipo "ama il prox tuo ecc." - trasforma una mitzvà negativa in una positiva - ma la sostanza rimane la medesima. gli vengono accreditati miracoli tipo "trasformare l'acqua in vino", o "camminare sulle acque", o citazioni tipo "beati gli ultimi perché saranno i primi" ecc. vedi che qui vengono espressi dei concetti di riconoscimento profondamente radicati nell'ebraismo. non riconoscerli come tali e apprezzarli sarebbe da parte mia stupido, oltre che ipocrita. il vero problema sorge quando ti trovi di fronte a persone che non riflettono sul vero significato, e che ti impongono una loro sofisticata interpretazione, alla quale non puoi obiettare in quanto qui, là, lì, dogma di qua, di là e... capisci che intendo dire. salutoni e buona serata;))
2016-10-13 16:55:37
Finisco il precedente post....In modo che l'inspiegabile diventi una forma di spiegazione, che però non si può spiegare in termini umani ma solo divini, pertanto da accettare senza fare domande, è cosi, ....spirito santo, mistero della fede, ecc..... @Pinopin 15:31:08 chapeau!