Sei famiglie con bambini bloccate dalla neve in un rifugio: salvate dal Soccorso alpino

Pian delle Fugazze a Valli del Pasubio

di Vittorino Bernardi

VICENZA  - Scatta la conta dei danni per il maltempo che ieri ha flagellato la provincia: temperatura in picchiata con neve da quota 700 a Recoaro, Valli del Pasubio, Tretto, altopiano di Asiago e sul monte Grappa, con forti raffiche di vento. A Valli del Pasubiodalle 8 alle 14 è rimasta chiusa la Provinciale 46, poco prima di località Ponte Verde per un albero abbattuto.

Maltempo, temperature in picchiata: fino a 10 gradi in meno
Domenica 5 maggio, la più fredda degli ultimi 60 anni: la foto dall'alto del ciclone artico
APPRENSIONE Sempre lungo la Provinciale 46 poco prima del Pian delle Fugazze sei famiglie con bambini (circa 20 persone) di Marano Vicentino sono rimaste bloccate nel rifugio Casa del Custode: erano arrivate sabato pomeriggio per un fine settimana in montagna. Ieri mattina si sono svegliati con un’alta coltre di neve e impossibilitati a percorrere in auto la stradina per rientrare. Due papà hanno percorso a piedi circa 500 metri nella neve, per trovare al lavoro vigili del fuoco e volontari del Soccorso alpino che alcune ore dopo - con furgoni muniti di catene - hanno portato fuori dal rifugio le sei famiglie: accompagnate nel vicino ristorante Ponte Verde sono state raggiunte da amici/parenti per il rientro. Appena possibile torneranno al rifugio a recuperare le auto.
 
Il punto della situazione. «Le giornate di lunedì 6 maggio, martedì e prima parte di mercoledì saranno stabili e perlopiù soleggiate, con temperature in graduale aumento, rimanendo comunque sotto i valori medi del periodo. Attenzione lunedì mattina a possibili danni da freddo alle colture, dove il cielo fosse sereno e senza vento. Da mercoledì pomeriggio-sera e per la giornata di giovedì transiterà una nuova perturbazione, stavolta portata da correnti occidentali, non fredde come quelle attuali, quindi con quota neve alta. A seguire una nuova fase più stabile» spiega Serenissima meteo.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 6 Maggio 2019, 09:38






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Sei famiglie con bambini bloccate dalla neve in un rifugio: salvate dal Soccorso alpino
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2019-05-07 06:29:05
In effetti, dopo aver preventivamente consultato previsioni ARPAV e confrontato con altre , ci sarebbe stato da prendere decisioni drastiche. 1-rimanere a casa, 2-andare appositamente al rifugio ben organizzati ed equipaggiati e restarci almeno due ,tre giorni.
2019-05-06 19:44:28
E sì che la neve a bassa quota era ampiamente prevista! Certa gente va proprio a cercarseli i guai....... sarebbe stato da lasciarli lì che si arrangino!
2019-05-06 19:22:04
Il rifugio..ha perfettamente svolto la sua funzione.
2019-05-06 17:06:21
A noi è successa la medesima cosa a Lipica, in Slovenia. Lasciata lì la macchina, sono riusciti con un fuori strada ad accompagnarci alla stazione di Trieste per tornare a casa.Macchina recuperata la settimana seguente. Ma non abbiamo avuto l'onore delle cronache ! (del resto non ce ne sarebbe importato nulla).
2019-05-06 16:20:10
Non capisco la neve quando tutti sanno che siamo vittime del riscaldamento globale... mah?