Tari in contanti al dipendente: buco
di 40.000 euro, evasore chi l'ha pagata

PER APPROFONDIRE: contanti, dipendente, infedele, tari, thiene, vicenza
Il sindaco di Thiene Giovanni Casarotto davanti al municipio

di Vittorino Bernardi

THIENE - Il sindaco Giovanni Casarotto è tornato sullo spiacevole episodio del dipendente “infedele” dell’Ufficio Tributi che è stato sospeso dal servizio perché ha chiesto indebitamente a più cittadini pagamenti in contanti della Tari, anziché con l’apposito modello F24. Questi cittadini risultano evasori con le relative conseguenze.

«A scanso di notizie infondate preciso, per correttezza dell’informazione, che il dipendente infedele era impiegato all’Ufficio Tributi dagli inizi del 2018 e che pertanto tale situazione non può essersi protratta per anni - scrive il sindaco in un comunicato stampa di oggi pomeriggio, 22 ottobre - . Ai sensi dell’art. 107, comma 3, del Decreto Legislativo 267/2000 (Tuel), nonché dell’art. 12 del Regolamento interno di Organizzazione dei Servizi e degli Uffici, sono di competenza dirigenziale gli atti di amministrazione e gestione del Personale, in attuazione degli obiettivi e dei programmi definiti con gli atti di indirizzo degli organi di governo dell’Ente. Ribadisco inoltre che sono ancora in corso gli accertamenti contabili per determinare il numero di utenti e per quantificare con esattezza l’entità delle somme indebitamente sottratte che potrebbero aggirarsi sui 40 mila euro. L’attività ordinaria dell’Ufficio non è bloccata e procede regolarmente - prosegue Casarotto - pur tra le difficoltà di un aggravio di impegno richiesto, dovuto sia alla ricostruzione delle posizioni contributive, che all’accoglienza e consulenza dei cittadini interessati al problema del pagamento effettuato in contanti, che sono invitati a presentarsi agli Uffici e che ringrazio per la collaborazione. Si è in attesa, inoltre, che facciano il loro corso anche le indagini degli inquirenti e le conseguenti decisioni della magistratura».     
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 22 Ottobre 2018, 20:18






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tari in contanti al dipendente: buco
di 40.000 euro, evasore chi l'ha pagata
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-10-24 10:50:18
Come si diventa dipendente ufficio tributi comunale dopo essere stato licenziato da dipendente di banca per presunte...... truffe verso anziani correntisti ditemelo voi che santi ha questo!
2018-10-23 10:24:15
Ma figuriamoci! Chi ha tanto di ricevuta vediamo se gli contestate il pagamento. SIETE VOI CHE DOVETE VIGILARE SUI DIPENDENTI!
2018-10-23 07:07:55
In questo articolo parlate solo di Tributi di tasse di evasori di Articoli di comma ma del ladrone che ha rubato nemmeno una parola ne un nome ne cognome ne una foto.....e poi dicono che l'italia e' un paese di ladri,per forza,i ladri statali sono tutelatissimi!!!!
2018-10-22 21:36:28
scusate . non ho letto le generalità di questo ladro.mettetele, o no.
2018-10-22 20:37:15
Questa e` bella.....io pago a un dipendente pubblico, (quindi penso di essere nel giusto)nel suo ufficio comunale ufficialmente e mi danno dell`evasore ?? Prima mi venga chiesta la ricevuta,se non la ho ,allora sono un Pir....