Coronavirus, turismo in , Federalberghi: «Crollo dei fatturati fino al 70 per cento e i fondi non arrivano»

Martedì 28 Aprile 2020
Turismo in crisi, allarme Federalberghi

L'emergenza coronavirus ha provocato una crisi senza precedenti per il turismo. «Il settore sta vivendo un periodo di massima difficoltà. Dei 480 milioni di pernottamenti, più del 50% sono di turisti stranieri, che quest'anno non vedremo. La metà del mercato è volatilizzata, le nostre imprese quest'anno registreranno fatturati in calo del 73% ed è una previsione ottimistica», è l'allarme lanciato da Alessandro Nucara, direttore generale di Federalberghi, in audizione in Commissioni riunite Finanze e Attività produttive sul decreto liquidità.

Coronavirus, la Sardegna ha un piano per l'estate. Solinas: «Per venire in vacanza servirà un passaporto sanitario»

Coronavirus e viaggi: le Maldive pronte a riaprire al turismo?

«La liquidità prevista dal provvedimento non sta arrivando. Ce lo dicono le nostre imprese, che hanno anticipato soldi per marzo, ma non ce la faranno per aprile e per questo ci saranno famiglie senza reddito», ha aggiunto. «I prestiti non bastano  anche se può sembrare affascinante un finanziamento per pagare le tasse. Servono erogazioni dirette, quelle che alcuni chiamano a fondo perduto. Mentre la durata di questi finanziamenti, oggi a 6 anni, sarebbe congrua a 20 o 30 anni», ha detto ancora.

Coronavirus agriturismo, l'idea della Puglia: «Con gli AgriBond paghi ora e vai in vacanza dopo»

Coronavirus, Confcommercio: «Con la Fase 2 danni gravissimi». Federcuochi: «Morte della ristorazione»

«Non basta spostare le scadenze fiscali. Non capiamo perché un albergo oggi chiuso debba pagare l'imposta sulla spazzatura. Le tasse si devono pagare, alcune vanno spostate ma quelle di cui non usufruiamo i servizi vanno abolite», conclude Nucara.

Sull'emergenza era intervenuto ieri anche il ministro Franceschini. «Il settore del turismo sta vivendo una crisi senza precedenti, l'Europa deve adottare rapidamente misure straordinarie da affiancare a quelle nazionali che da sole non bastano. Per questo chiediamo che venga creato un Fondo Europeo Speciale per il Turismo e che un quota significativa del 'Recovery Fund' sia destinata al settore», aveva detto il ministro Dario Franceschini invocando  l'intervento europeo per questo settore, che in Italia vale il 13% del Pil e che sta subendo danni senza precedenti. 

 

Ultimo aggiornamento: 14:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci