Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Papa Francesco: «Non vedere il problema della denatalità in Italia è miope, bisogna abbassare gli steccati ideologici»

Giovedì 12 Maggio 2022 di Franca Giansoldati
Papa Francesco: «Non vedere il problema della denatalità in Italia è miope, bisogna abbassare gli steccati ieologici»

Città del Vaticano – «I dati, le previsioni, i numeri sono ormai noti a tutti: serve concretezza. È il momento di dare risposte reali alle famiglie e ai giovani: la speranza non può e non deve morire di attesa». Stavolta Papa Francesco non ha potuto prendere parte personalmente alla seconda edizione degli Stati Generali della Natalità per via del fastidioso dolore al ginocchio che lo costringe momentaneamente su una sedia a rotelle e a fare infiltrazioni. Ha però mandato un messaggio – l'ennesimo – alle forze politiche facendo capire che senza nascite si condanna al declino un paese, una economia, un orizzonte comune.

Papa Francesco: «Non vedere il problema della denatalità in Italia è miope»

«Il tema della natalità rappresenta una vera e propria emergenza sociale. Non è immediatamente percepibile, come altri problemi che occupano la cronaca, ma è molto urgente: nascono sempre meno bambini e questo significa impoverire il futuro di tutti; l’Italia, l’Europa e l’Occidente si stanno impoverendo di avvenire» ha affermato. 

Francesco denuncia l'esistenza di una periferia esistenziale in Occidente costituita da ragazzi e ragazze che pur desiderando figli preferiscono non metterli al mondo perché di fatto abbassano «l’asticella del desiderio e ci si accontenta di surrogati mediocri» come una bella auto, tanto tempo libero, i viaggi, la carriera. E così, sottolinea il pontefice, «la bellezza di una famiglia ricca di figli rischia di diventare un’utopia, un sogno difficile da realizzare. Questa è una nuova povertà che mi spaventa. È la povertà generativa di chi fa lo sconto al desiderio di felicità che ha nel cuore, di chi si rassegna ad annacquare le aspirazioni più grandi, di chi si accontenta di poco e smette di sperare in grande». 

Francesco rimprovera poi la classe dirigente: «Non vedere il problema della denatalità è un atteggiamento miope; è rinunciare a vedere lontano, a guardare avanti. È girarsi dall’altra parte, pensando che i problemi siano sempre troppo complessi e che non si possa fare nulla». Invita di conseguenza ad andare oltre «gli interessi di parte e gli steccati ideologici» per mettere «in atto politiche concrete, volte a rilanciare la natalità e la famiglia».

Nel messaggio che ha inviato al convegno Francesco ha omesso una delle grandi ragioni che al momento impediscono a tante donne di mettere al mondo figli: la possibilità di conciliare il proprio lavoro e le proprie aspirazioni con le esigenze di una famiglia. I dati delle statistiche elaborati negli ultimi decenni fanno affiorare che le donne sono costrette a lasciare il posto di lavoro al primo figlio per la carenza di adeguate politiche di sostegno, come accade negli altri paesi, per esempio asili nido con orari estesi. 

Ultimo aggiornamento: 09:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA