Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Prete in Germania sotto processo per 118 abusi, violenza anche su una bambina di 11 anni

Mercoledì 16 Febbraio 2022 di Franca Giansoldati
Prete in Germania sotto processo per 118 abusi, violenza anche su una bambina di 11 anni

Città del Vaticano – La Germania è letteralmente sotto choc, alle prese con uno dei casi più eclatanti di pedofilia, dopo che l'ufficio del Procuratore di Colonia ha formalmente accusato un ex prete di ben 118 abusi sessuali. Le accuse si riferiscono ad un periodo compreso tra il 1993 e il 2018. 

«Sono figlio di un prete pedofilo che abusò di mia madre 14enne», la storia choc di Eric Zattoni

Germania, dopo il coming out di massa dei dipendenti gay nelle diocesi si chiede la riforma del diritto del lavoro

<h2>La lunga lista di crimini</h2>

L'uomo, 70 anni, chiamato solo U., avrebbe violentato nove ragazzine quando avevano meno di 14 anni. Secondo l'accusa avrebbe commesso anche 31 atti di abuso contro le sue tre nipotine, all'epoca minorenni, nella cittadina di Gummersbach tra il 1993 e il 1999. Alla lunga lista di crimini che sono stati letti in aula, anche l'avere approfittato di una bambina di appena 11 anni che aveva incontrato attraverso una famiglia di fedeli che seguiva in qualità di sacerdote e padre spirituale dei genitori. Nessuno avrebbe mai sospettato una condotta talmente obbrobriosa.

Il processo di U. è in corso da qualche tempo ed è considerato, tra tutti, il più grave da quando è esploso in Germania lo scandalo della pedofilia nella Chiesa, sollevando dubbi su come le autorità ecclesiastiche finora hanno gestito tante informazioni riservate sui sacerdoti. Generalmente la regola che veniva seguita dai vertici, su indicazione di Roma, era di tutelare l'immagine della istituzione cattolica a scapito delle vittime, solitamente ignorate o messe a tacere. 

L'ex cappellano dell'ospedale U. è sotto processo da novembre. Il sacerdote ha confessato molti abusi e il verdetto è atteso intorno al 24 febbraio. Rappresentanti di spicco della Chiesa, come l'arcivescovo di Amburgo e l'ex capo del personale di Colonia, monsignor Stefan Hesse, e il canonista Guenter Assenmacher hanno testimoniato nel processo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA