Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Papa Francesco, il Vaticano annuncia a luglio il viaggio in Canada: ma Bergoglio è sulla sedia a rotelle col ginocchio dolorante

La scorsa settimana il Vaticano ha dovuto cancellare il viaggio in Libano

Venerdì 13 Maggio 2022 di Franca Giansoldati
Papa Francesco, il Vaticano annuncia a luglio il viaggio in Canada: ma Bergoglio è sulla sedia a rotelle col ginocchio dolorante

Città del Vaticano - La salute del Papa si sta trasformando in un terreno piuttosto opaco sul quale si incrociano diversi interrogativi. Uno dei tanti riguarda i viaggi impegnativi che sono stati inseriti in agenda per i prossimi mesi: a luglio Francesco ha intenzione di andare in Sud Sudan e nella Repubblica Democratica del Congo. Inoltre, a fine luglio, ha annunciato proprio stamattina, che è prevista la trasferta in Canada per andare ad abbracciare le comunità Inuit che hanno subito, nel corso dei decenni, un genocidio culturale e abusi di ogni tipo a causa di un piano educativo che fu votato dallo stato e delle istituzioni cattoliche. Da più di un mese Francesco non cammina più bene, fatica quasi a restare in piedi, se deve spostarsi ormai lo fa con una sedia a rotelle oppure con l'ausilio dei più stretti collaboratori. Durante alcune udienze le telecamere lo hanno ripreso mentre veniva issato di peso dallo scranno papale e anche oggi  il pontefice si è presentato ad una udienza in ritardo e su una sedia a rotelle, senza nemmeno alzarsi.

Papa Francesco: «Non vedere il problema della denatalità in Italia è miope, bisogna abbassare gli steccati ideologici»

La scorsa settimana il Vaticano ha dovuto cancellare il viaggio in Libano, previsto nella prima settimana di giugno. L'impegno è slittato ma nessuno ha precisato quando. Intanto i medici che hanno in cura il Papa e lo seguono da vicino per risolvergli la gonalgia al ginocchio, gli hanno prescritto almeno 15 giorni di riposo assoluto. Il dolore del resto è fortissimo alle articolazioni. Nel frattempo Francesco ha iniziato a fare delle infiltrazioni. Se non dovessero avere il risultato sperato c'è il rischio che possa essere operato, mettendo a repentaglio la fitta agenda di impegni che ha fissato per questa estate, visto che avrà poi bisogno di un lungo periodo di riabilitazione. 

L'anno scorso, il 4 luglio, Francesco era stato ricoverato d'urgenza al Gemelli per un problema all'intestino. Doveva essere una operazione breve, ma una complicazione l'ha protratta per ore e si è risolta con l'asportazione di 30 centimetri di colon. I chirurghi nei giorni seguenti la degenza non hanno mai firmato un bollettino medico - come solitamente viene fatto anche se le scarne informazioni arrivavano quotidianamente dalla sala stampa. Il Vaticano ha sempre escluso ogni forma tumorale. Domenica prossima Papa Francesco dovrà presiedere la canonizzazione di dieci nuovi santi, tra cui Charles de Foucauld. 

l viaggio apostolico in Canada dal 24 al 30 luglio prossimo sara' «purtroppo fortemente limitato», a causa del dolore al ginocchio, ha affermato l'arcivescovo canadese di Edmonton Richard William Smith, nonche' coordinatore del viaggio. Il Vaticano ha selezionato solo tre tappe: Edmonton, Quebec e Iqaluit. «Lavoreremo con i nostri partner indigeni per garantire che questi incontri con il Santo Padre, laddove essi avranno luogo, avranno un impatto significativo per tutti». 

Sulle modalita' della visita, il Vaticano «e' stato molto chiaro. Il Santo Padre non puo' prendere l'elicottero, non puo' viaggiare in macchina per piu' di un'ora, non puo' dormire in un luogo diverso ogni notte. Per cui hanno detto che dobbiamo scegliere dei luoghi come hub che gli permetteranno di raggiungere luoghi significativi ma facilmente accessibili in poco tempo». Il programma ufficiale sara' pubblicato  a meta' giugno: e' prevista la visita in una delle scuole residenziali cattoliche dove i bambini e i ragazzi nativi hanno subito abusi. «Il fatto che il Papa non riesca a visitare ogni luogo non significa che non possa affrontare la questione delle fosse comuni dei bambini indigeni che sono state scoperte».

Ultimo aggiornamento: 14 Maggio, 07:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA