Impennata del virus, 83 positivi. Sei Comuni da zona rossa. I casi di Foligno e Assisi

Martedì 7 Dicembre 2021 di Fabio Nucci
Impennata del virus, 83 positivi. Sei Comuni da zona rossa. I casi di Foligno e Assisi

PERUGIA Nonostante lo screening ridotto della domenica, con appena 550 tamponi processati con test molecolare, sono 82 i nuovi positivi certificati con un tasso di positività record al 15%. Oltre la metà delle persone testate – per lo più sotto sorveglianza visto il tampone domenicale o in vista del ritorno al lavoro - è quindi risultata contagiata. Intanto gli umbri sembrano aver raccolto alla lettera l’appello alla vaccinazione che arriva ormai da più parti e proprio a seguito dell’elevata affluenza registrata nel primo dei due vax-day di dicembre, la Regione ha stabilito che il prossimo, domenica 12, sarà organizzato solo su prenotazione.
Il bollettino aggiornato a lunedì mattina ha restituito un dato elevato di contagi nonostante lo screening festivo limitato sul territorio. A fronte di circa 4.500 tamponi, inclusi quelli processati con test antigenico, sono saltati fuori ben 83 positivi: per trovare un dato simile, riferito al testing festivo, occorre tornare al primo marzo scorso. Ne consegue un tasso di positività totale dei tamponi dell’1,82%, con la media mobile risalita sopra l’1%. In pratica, il 57% delle persone testate, 144, è risultata positiva. Ne consegue una risalita sostenuta della curva epidemica con la media mobile settimanale che in 4 giorni è passata da 82,6 a 112,6 casi medi giornalieri (788 settimanali), a livelli simili all’ondata di metà agosto. Oggi come allora, restano sotto controllo i dati ospedalieri, stabili rispetto al giorno precedente, con 43 pazienti ordinari e 7 critici, e un tasso di ospedalizzazione rispetto agli attualmente positivi (risaliti a 1.884) in deciso calo, al 2,28% per i pazienti di area medica, allo 0,37% per le intensive. A porre l’accento su una pandemia che fatica ad arretrare, il cardinale di Perugia, Gualtiero Bassetti intervenuto all’oratorio Villaggio di Betania, nel comune di Deruta. «Rischia di isolare e di far perdere la fiducia alle persone».
A livello territoriale, si registra un’impennata nell’incidenza settimanale in provincia di Terni dove in un giorno il dato è passato da 70 a 84 casi per 100mila abitanti. Solo ieri nel capoluogo sono emersi 29 nuovi casi ma l’incidenza resta sotto gli 80 casi nella settimana 28 novembre-5 dicembre. Sono invece 6 i comuni da “zona rossa”: con Porano, ci sono anche Amelia, Bevagna, Castel Ritaldi, Bettona e Spoleto. Si avvicinano alla soglia dei 200 casi settimanali per 100mila abitanti anche Foligno e Assisi.
CORSA AL VACCINO
In considerazione delle criticità emerse domenica ma anche in relazione all’ampliamento dell’offerta, il prossimo “vaccine -day”, programmato il 12 dicembre, sarà organizzato su prenotazione, tramite il portale vaccinocovid.regione.umbria.it. Lo ha specificato l’assessorato regionale alla Salute, precisando che potranno accedere solo coloro che abbiano completato il ciclo primario da almeno 5 mesi. Quanto all’affluenza registrata domenica, è stato spiegato che le equipe vaccinali hanno somministrato tutte le 5.450 dosi disponibili, vaccinando anche dopo l'orario di chiusura e garantendo un afflusso il più possibile regolare grazie anche al lavoro dei volontari della Protezione civile. Code e disagi sono stati segnalati anche ieri nell’hub di San Marco, a Perugia dove ieri pomeriggio sono state segnalate assese e code di oltre un’ora da parte di assistiti prenotati. Un momento di stallo era stato segnalato anche domenica pomeriggio: «È stato risolto in pochi minuti grazie all’intervento degli operatori del centro», ha fatto sapere la Regione. Agende piene fino al 31 dicembre anche nelle 72 farmacie associate Federfarma che hanno aderito alla campagna vaccinale. Al 3 dicembre erano 6mila gli assistiti in coda con un picco previsto per venerdì prossimo, con 680 prenotazioni; a inizio campagna in farmacia, sono state iniettate 622 dosi in due giorni. Intanto, dopo il vax day, indecisi e dubbiosi sono scesi a 89mila.

Ultimo aggiornamento: 07:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA