Covid, c'è un morto. Da oggi vaccini senza prenotazione

Domenica 12 Settembre 2021 di Egle Priolo
Da oggi vaccinazioni senza dover prenotare

Covid, mentre da oggi cambiano le regole per i vaccini e si fanno più stringenti le norme sul green pass per i genitori degli alunni, in Umbria la curva dei contagi registra un leggero rialzo e, purtroppo, c'è stato un nuovo decesso. Nelle ultime 24 ore considerate dalla dashboard regionale, infatti, si è avuta un'ulteriore vittima della pandemia, che porta il totale a 1.436. Stabile il numero dei ricoveri, 58 in tutta la regione, sette dei quali in terapia intensiva, uno in più però rispetto alla giornata di venerdì. I nuovi casi di positività accertati sono stati 87 e i guariti 75 (59.802 in tutto), con gli attualmente positivi salgono a 1.503 (undici in più del giorno precedente). Nell'ultimo giorno, secondo i dati forniti dalla Regione, sono stati analizzati 5.987 test antigenici e 1.633 tamponi molecolari: il tasso di positività complessivo è dell'1,14 per cento (venerdì era 1,52).

VACCINI SENZA PRENOTAZIONE

Come anticipato, scatta da oggi la possibilità di accedere ai punti vaccinali territoriali dell’Umbria senza la prenotazione: una decisione che ha anche lo scopo – come ha spiegato la Regione - di promuovere ulteriormente l’adesione alla campagna di vaccinazione anti Covid-19 e innalzare così il target di copertura vaccinale regionale. I cittadini che da oggi si presenteranno ai punti vaccinali senza prenotazione dovranno esibire un codice valido ai fini della registrazione della vaccinazione, come tessera sanitaria, codice fiscale o STP (straniero temporaneamente presente). «Anche in Umbria – si legge sul sito istituzionale - saranno attivate le disposizioni della circolare ministeriale relativa alla vaccinazione anti-covid-19 per tutti coloro che hanno contratto un’infezione da sars-cov-2 successivamente alla somministrazione della prima dose di un vaccino con schedula vaccinale a due dosi, quindi per quei soggetti con infezione da sars-cov-2 confermata entro il quattordicesimo giorno dalla somministrazione della prima dose di vaccino, oppure oltre il quattordicesimo giorno. Ai primi, non appena saranno inseriti nel sistema informativo regionale, sarà inviato un sms in cui si comunica che potranno effettuare la seconda dose; mentre coloro che rientrano nella seconda categoria, riceveranno un sms con la comunicazione che la loro schedula vaccinale è da intendersi completata, ma che l’eventuale somministrazione di una seconda dose non è comunque controindicata».

SCUOLA E GREEN PASS

Da domani, inoltre, per l'accesso in qualsiasi istituto scolastico, di ogni ordine e grado, dal nido in poi, è previsto l'obbligo di green pass. Come previsto dal decreto legge approvato venerdì dal Consiglio dei ministri, in occasione dell'avvio del nuovo anno scolastico e – al momento – fino al 31 dicembre, l'obbligo varato ad agosto per il personale docente viene esteso a «chiunque accede a tutte le strutture scolastiche» eccetto gli studenti e gli esenti. Compresi quindi i genitori, che senza Qr Code valido non potranno entrare negli istituti per nessun motivo. Per il personale, la certificazione è necessaria per lavorare e non risultare assenti ingiustificati, con sanzioni da 400 a 1.000 euro e la sospensione dal servizio dopo il quinto giorno di assenza. I genitori non avranno alcuna sanzione, ovviamente, ma non potranno accedere a scuola. E mentre gli istituti (in tutta Italia la vaccinazione del personale supera il 91 per cento) si dicono soddisfatti di una misura considerata necessaria, tra i genitori no-vax serpeggia il malcontento. E l'anno scolastico 2021/2022, tra scioperi, polemiche e disagi, parte già in salita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA