giaulo1950
1 Gennaio 1950

Commenti pubblicati:
Martedì 25 Settembre 2018, 14:03
Non giudicate se non sapete cosa vuol dire svolgere un servizo pubblico. Tutti pretendono: azienda, utenza e politica che cerca il consenso a tutti i costi, e l'autista si trova nel mezzo senza tutele e rispetto da entrambi. Tutti vogliono il pullman in orario alla propria fermata, tutti vogliono i pullman meno carichi per trovare posto, tutti vogliono che l'autista controlli che tutti abbiano pagato il biglietto, tutti vogliono e pretendono, ma l'autista deve portare il mezzo garantendo la sicurezza dei passeggeri e l'arrivo in orario ad ogni fermata. Un tempo erano in due su ogni mezzo, oggi l'autista è da solo e si prende parole per ogni malumore, spesso su problematiche indipendenti da lui; vedi aria condizionata e riscaldamento, vedi fermate non chiamate ma trasmesse telepaticamente dall'utente che si arrabbia per la mancata sosta, vedi altro utente con troppi bagagli, sempre colpa del poveretto che sta alla guida. E' facile attaccare l'autista, riflettiamo quali strumenti gli vengono dati o non dati per svolgere al meglio il suo servizio.
Venerdì 3 Agosto 2018, 07:26
Ma per favore su cosa?
Giovedì 2 Agosto 2018, 13:35
Tanto BOY, per niente SCOUT. Gli intenti, gli ideali e i valori sono positivi, la preparazione dei capi estremamente inadeguata. E più di una volta ci è scappato il morto. Le mie figlie frequentavano i boy-scout, finché un giorno vengo a sapere che il loro grande capo voleva portare il'branco' a scalare in montagna. Sono andato da lui, gli ho chiesto qual'era la sua attività alpinistica. In montagna aveva fatto solo una facile ferrata e arrampicava solo in falesia. Sono riuscito a bloccarlo nei suoi intenti prima che facesse danni, ma quanti genitori sono in grado di valutare la preparazione di questi indubbiamente volonterosi capi?
Venerdì 2 Marzo 2018, 14:20
Vacanze alternative, ma sempre vacanze, vendute come avventura estrema.
Mercoledì 24 Gennaio 2018, 08:55
Alla fine vincono in furbi. Uno onesto (in questo caso onesta) avrebbe telefonato - "Scusate! Ci dev'essere stato un errore! Mi avete mandato quat-tro-cen-to-no-van-ta-mi-la euro in più del dovuto!" E poi le scuole non hanno i soldi per la carta igienica. Sono 950.568.333 delle vecchie lire!!! Quasi un miliardo! Pressapochismo dell'Ufficio Scolastico di Venezia e ladrocinio delle Grafiche Serenissima.
Venerdì 19 Gennaio 2018, 15:23
Follia!
Mercoledì 17 Gennaio 2018, 12:07
Sarei curioso di conoscere quali sono le strutture essenziali
Mercoledì 17 Gennaio 2018, 12:04
Questo è sicuramente un fake, una bufala. Queste cose succedono solo a Napoli! E se è successo a Treviso gli imprenditori colpiti saranno stati sicuramente napoletani. Ovviamente sono ironico.
Martedì 9 Gennaio 2018, 16:44
Gritti, un cognome una garanzia, famiglia patrizia veneziana. Diede alla Repubblica Serenissima un doge:Andrea Gritti.
Lunedì 8 Gennaio 2018, 14:49
Eroismo sostantivo maschile: La presenza, in un essere umano, di un grado eccezionale di coraggio e di abnegazione.
Lunedì 8 Gennaio 2018, 08:09
Dai adesso Cortina al Trentino così tutto funziona. Ops! Gli ampezzani rimangono, i problemi rimarranno?
Venerdì 5 Gennaio 2018, 10:42
Foraggiati dall'Inghilterra tra il XVII e il XX secolo per non "rompere" e lasciar fare.
Giovedì 4 Gennaio 2018, 07:56
Ma scusate, quando si va a certe mostre (anche di minore importanza di quella a Palazzo Ducale), se ti avvicini a meno di 50 cm da un quadro o di un oggetto, inizia a suonare l'ira di dio e subito arrivano i guardiasala. Aldilà del fatto che lascia perplessi il fatto che una bacheca fosse facilmente sollevabile e che il sistema di allarme non fosse automaticamente reattivo, come è possibile che questi abbiano avuto tutto il tempo per uscire da Palazzo Ducale (senza correre altrimenti era facile, si spera, per la guardiania, intuire qualcosa). Qualcuno, dell'organizzazione interna, che ha momentaneamente disattivato l'allarme? I monili sono ancora dentro (nascosti) nel palazzo in attesa di un recupero successivo? L'organizzazione della mostra non aveva pensato all'eventualità di un furto? Non so perchè ma mi viene da pensare a'Operazione San Gennaro' con Totò e Nino Manfredi. Rido per non piangere.
Mercoledì 3 Gennaio 2018, 16:24
2017: Follia! E dopo si scoprirà che non era un mago del furto come Arsenio Lupin ma solo un disperato alla Mr Bean
Giovedì 28 Dicembre 2017, 14:53
Si, si, Mondiali 2021. La Regina delle Dolomiti si blocca per un po' di neve. Poi, il problema vero, è la gente presuntuosa che non sa guidare. Più non sanno guidare (normalmente, figuriamoci sotto la neve) e più hanno la macchina grossa. Tipici villeggianti cortinesi ... da sempre ma oggi, grazie alla crisi (mah), i SUV sono sempre di più. Non è la macchina che fa il buon autista ma ... "el manego"! A buon intenditor poche parole.
Mercoledì 25 Ottobre 2017, 07:49
Cari compatrioti veneti: la verità fa male, lo so. :-)))
Martedì 24 Ottobre 2017, 09:08
Stanlio & Ollio
Martedì 24 Ottobre 2017, 09:08
Purtroppo di questo tipo di atti vergognosi ce ne sono sempre di più. C'è da preoccuparsi.
Martedì 24 Ottobre 2017, 09:04
Triste figura. L'autonomia come altre regioni è semplicemente frutto della giusta esigenza di equità e non di rivisitazioni storiche basate sull'opportunismo di alcuni e l'ignoranza di chi li segue.
Venerdì 6 Ottobre 2017, 10:14
Trump? Putin?
Venerdì 6 Ottobre 2017, 09:12
Caro Fiocchi, è una disgrazia come sempre ed in particolare quando si tratta di bambini, ma ... ho arrampicato su tutto l'arco alpino, in giro per il mondo inclusi alcune cime di 8000 metri (senza ossigeno e senza sherpa). Credo di potermi definire un alpinista abbastanza esperto ma quando ho portato mio figlio in ferrata (fino ai 14 anni), e nonostante a sei anni mi avesse seguito su non facili vie alpinistiche in Dolomiti, l'ho sempre tenuto a me legato con una corda oltre a fargli utilizzare i due moschettoni per la sua autosicurezza sul cavo di acciaio. Ci siamo sempre divertiti e io ero sempre sereno ache se, è indubbio, gli imprevisti ci possono sempre essere, in particolare in montagna. Un conto è condividere con i propri figli una propria passione, un altro conto è il non riflettere. Fondamentale, con o senza figli piccoli, è anticipare le probabilità di rischio e capire come ridurle al massimo possibile. Adesso mio figlio è grande e ricorda con piacere le nostre esperienze de passato. Recentemente, sul sentiero Tivan (Civetta) ho visto famiglie con bambini, procedere senza un minimo di sicurezza. Ero terrorizzato, è un attimo. Tutto può succedere, sia in montagna che in città, ma noi genitori abbiamo delle responsabilità e se siamo persone mature e coscienti dobbiamo essere presenti e attenti senza essere ossessivi e opprimenti. Dobbiamo essere solamente RESPONSABILI. I nostri figli siamo noi.
Giovedì 28 Settembre 2017, 07:59
Il problema è l'incapacità di molti, inclusi i politici che oltretutto ci speculano, di dare voce alle proprie paure
Giovedì 28 Settembre 2017, 07:57
Promettente e mai mantenuta anche se i suoi seni erano da oscar
Lunedì 25 Settembre 2017, 16:17
Ma come è possibile! Un italiano! Un veneto! Un veneziano! Ma come mai non è un immigrato, uno che è arrivato con i barconi? Questo è un problema.
Mercoledì 13 Settembre 2017, 07:53
Dategli un po' di 'Big Jim', qualche 'Barbie' e un buon numero di 'Ken', così, nella sua cameretta, il bambino viziato Di Maio può giocare al Parlamento.
Mercoledì 13 Settembre 2017, 07:49
Rifletti su quello che hai scritto, sei vergognoso. Vivi una situazione e poi, eventualmente, giudica.
Martedì 12 Settembre 2017, 14:40
Oggi le comiche!
Martedì 12 Settembre 2017, 14:32
Notizia fondamentale. Aggiornateci nei prossimi giorni sull'evoluzione della sua vita.
Mercoledì 30 Agosto 2017, 12:32
Indubbiamente discutibile quello che ha scritto lo spezzino su TriAdvisor che dimostra di aver girato poco il mondo, ma non lo trovo ingiurioso, stupido si ma non ingiurioso. Un giudizio da persona dalle vedute limitate. Ha scritto "Sinceramente non ho apprezzato una persona di colore a servire con costume parzialmente ampezzano. Se fossimo in un ristorante internazionale a Milano sarebbe diverso, ma sarebbe come andare in Marocco e in un ristorante tipico invece di trovare un marocchino che serve in tavola in abito tradizionale, ci trovassi un tedesco biondo vestito da marocchino." Figuriamoci se una persona intelligente si farà condizionare dal giudizio espresso da questo signore sulla cameriera di colore in vestito ampezzano. Andrò a leggermi il servizio, la qualità delle pietanze, l'ambiente e l'accoglienza, il resto è stato chi ha tempo da perdere. La ragazza della Guinea è gentile e professionale? Questo è importante, non il colore della sua pelle e il vestito che porta che immagino sia la divisa del ristorante.