shopUser72344_GZ

Commenti pubblicati:
Mercoledì 17 Aprile 2019, 22:53
Ancora una volta il trasporto pubblico afferente sull'asse Venezia Mestre risulta in tilt. Con un progetto palesamente errato (far correre il tram su strada a tutti gli effetti extra urbana senza una corsia protetta) gli strateghi del comune hanno ben pensato di posizionare barriere contro barriere - (tipo sbarco in Normandia)per proteggere p.le Roma dalla minaccia terroristica(!). Risutato: code , caos , nessuna via di fuga, restringimenti improvvisi. A pregare che non ci sia una vera emergenza che diventa - a tutti gli effetti veramente ingestibile. Aggiungiamoci tra poco - oltre al rientro dei pendolari (dicesi residenti del comune)le migliaia di persone dei nuovi alberghi mestrini avremo un primo quadro della situazione. Ovviamente a pagare saranno come sempre i poveri pendolari che ogni giorno devono e dovranno affrontare questa situazione in peggioramento. Poi ci si chiede perché Venezia si spopola e le attività non legate al turismo si trasferiscono altrove !
Sabato 16 Febbraio 2019, 22:29
La maleducazione tutta italiana di non rispettare le strisce pedonali, di non rispettare il codice della strada e non capire che il pedone ha la precedenza. Ovviamente latitanza delle autorità preposte.
Sabato 2 Febbraio 2019, 21:56
ma non è più conveniente parcheggiare in piena zona pedonale di fronte a coin tanto nessuno sanziona niente?
Sabato 22 Dicembre 2018, 21:45
Non sembra nulla altro che la normale routine actv. Che solo la dirigenza - pagata profumatamente dal contribuente - sembra non vedere. Giusto il controllo degli utenti ma nessuno proprio nessuno che verifichi la qualità del servizio offerto
Domenica 28 Ottobre 2018, 16:47
Anche quest'anno è stata imposto alla città di Venezia e ai suoi residenti una manifestazione che nulla ha che fare con la sua tradizione e la sua cultura. Usata come palcoscenico (ma anche dal punto di vista sportivo che significato ha far correre gli atleti in mezzo all'acqua?) come sempre pagano I residenti pendolari con i soliti disagi. Ma perché non si riesce ad arrivare al parco San giuliano e risparmiare alla povera Venezia un'altra giornata di tortura?
Martedì 23 Ottobre 2018, 17:28
Bisogna anche evidenziare la "logica" actv e in primis l'esimio assessore ai trasporti dott. Boraso. Cosa pensa di fare bene il duo sindaco e assessore? L'asse Carpenedo - vle san Marco deve essere il principale fornitore di utenti per il tram. Qust'ultimo costa e tutti devono prenedere il tram per andare a Venezia. Ovviamente un utente normale - che paga profutamente abbonamenti e biglietti - si aspetterebbe una qualche forma di corsia preferenziale al fine di velocizzare il trasporto. Infatti prima mossa è stata la riapertura di via Colombo mettendo un veicolo (tram) dal costo di centinaia migliaia di euro per vettura in coda a 10 / 11 macchinine ciascuna con una persona a bordo. Morale tempi di percorrenza allungati di 10/12 minuti per l'utenza Carpenedo - Favaro e tram perennemente in ritardo sugli orari di percorrenza (senza evidenziare come si è richiamato traffico in centro senza nessun reale beneficio per il commercio che sta tanto a cuore ai succitato duo. Facile usare il trattore per le proteste più difficile adempiere al mandato di l'assessore alla mobilità).
Lunedì 22 Ottobre 2018, 09:42
Autobus come sardine ? E forse la tortura di un pendolare si ferma a p.le Roma? Molti proseguono con l'imbarco alla linea 2 è qui comincia un'altra storia! È vero che sono aumentati i flussi ma in actv c'è tanta disorganizzazione, non si vuole capire come l'utente accede al centro storico. Per dirle in breve geniale l'idea di far scomparire i bis della linea 2 dalle 9.08 fino alle 17! Il sindaco l'ha presentata com una geniale trovata assecondato dall'esimio ing.Seno. Risultato partenze vuote dei bis linea è sovraccarico disumano della linea 2 a ple Roma e ferrovia. Grazie actv
Martedì 9 Ottobre 2018, 22:49
Il pendolarismo Venezia Mestre non entra in nessun dibattito politico. Si parla sempre di nuovi alberghi di nuove strutture la cui apertura in fondo non si nega a nessuno, del turismo invadente ma di questo imbuto chiamato ponte della libertà (!) che separa (non collega) non entra in nessuna priorità politica. Oramail è così da decenni. Basta un piccolo incidente, la solita scivolata sui binari di una bicicletta (non il crollo del cartellone stradale)e le due realtà diventano incomunicabili. Poi ci si meraviglia se Venezia si spopola o viceversa nessuno dell'entroterra si sogna - se può - di venire a lavorare a Venezia. Siamo ancora agli accessi ottonovecenteschi alla città storica. Nessuna risposta è stata data alla cittadinanza per una mobilità intelligente. Abbiamo come priorità l'inseguimento dei venditori abusivi o degli spacciatori però i pendolari ( a cui viene trattenuta una lauta tassa comunale in busta paga) ogni giorno non sanno se faranno ritorno in mezz'ora - un'ora - due ore ed è così da decenni. Una cosa semplice come poter usufruire indifferentemente (in ambito del comune di Venezia Mestre ) del biglietto od abbonamento unico bus / treno cosa escogita la premiata ditta sindaco /actv ? Lo puoi fare ma ti viene a costare mensilmente 20 euro in più! Quindi nessuna convenienza a farlo. E così al prossimo blocco tutto fermo con le solite mamme lavoratrici a Venezia in disperazione per poter rientrare a casa ......a Mestre!
Lunedì 1 Ottobre 2018, 10:41
L'imbrattamento del leoncino in piazza Sam marco non è che la punta di un iceberg di un malcostume presente in tutta Venezia.La città è tutta imbrattata: non c'è spallina di ponte, stipite in pietra d'istria, porte d'ingresso, muri secolari di chiese, di palazzi che non siano imbrattati da demenze senza nessun senso. Nessun argine è stato mai messo a questo delirante fenomeno.Francamente ci beltiamo della bellezza della città, ma al contrario tutto è deturpato in un generale sudiciume coniugato alla decadenza del tessuto sociale della città. Residenti,turisti, studenti imbrattano senza nessuna remora. Urge un generale lavoro di pulizia della -città (sia edifici pubblici o privato - coniugato ad una giusta repressione (recupero totale delle spesa sostenuta per la pulizia - se sei straniero non lasci la città finché non paghi).
Sabato 29 Settembre 2018, 22:01
Notizia positiva per coloro che da cittadini disciplinati usufruiscono delle strisce blu e regolarmente le pagano rischiando -con elevate probabilità - di pagare la multa se sforano l'orario. Però la triade sindaco, assessore alla mobilità e capo dei vigili dovrebbero spiegare alla cittadinanza come mai tutti quelli che parcheggiano in piena area pedonale per ore presso coin o in piazza carpenedo sopra la fermata del bus impedendo la discesa dei passeggeri non vengano minimante sanzionati. Un altro caso inspiegabile di questa disastrata città!
Venerdì 28 Settembre 2018, 19:58
Due incapaci. Prima tolgono il disturbo meglio per tutti. Con un debito del pil al 132% si traduce economicamente che viviamo ampiamente sopra i nostri mezzi - conseguentemente - abbiamo bisogno del finanziamento del debito per poter assicurare un minimo di erogazioni statali(intesi nella loro eccezione più ampia). Punto.La manovra assicura un ottimo travaso di ricchezza dai ceti produttivi a coloro che il lavoro non lo cercano o non lo vogliono. Sottolineo che il triste primato delle regioni in EUROPA dove i giovani non studiano o non cercano lavoro (fascia età 20/30 anni) è assicurato dalle regioni Sicilia - Calabria - campania - Puglia guarda caso il bacino elettorale dei 5s. Altrettanto vero che nessuno cercherà più un lavoro "regolare" ma praticherà il nero per non perdere i sussidi.Pensate che i centri dell'impiego nei carrozzoni meridionali possano funzionare? Tutto questo costerà una decina di miliardi all'anno finchè dura questo governo ammazzaitalia. Erogazioni sussidiarie ed integrative di reddito non creano sviluppo in un ambiente privo di substrato industriale. Sulle pensioni è evidente che la Fornero ha creato distorsioni ma anche questo paramnetro è legato a fattori produttivi (più lavoro più contributi) con una seria politica di giustizia fiscale. Speriamo nello stellone italico!
Martedì 25 Settembre 2018, 22:06
I bus acquistati sono di ultima generazionie venduti e usati in tutta Europa. Possibile che solo in actv non sia possibile usarli? Non dimentichiamoci quanto l'utenza cittadina ha sofferto in disservizi negli anni : scioperi regolarmente di venerdì, lo sciopero bianco dei trasporti acquei con i ritardi controllati che accodava tutte le imbarcazioni, lo sciopero proclamato da una sigla che ha tre iscritti e blocca tutta una città (stiamo ancora aspettando di leggere la relazione consegnata al sindaco), lo sciopero dell'8 marzo per solidarietà (!) alla festa della donna che ha ,lasciato a piedi centinaia di lavoratrici. Purtroppo in regime di monopolio blindato - che protegge comunque solo ed esclusivamente il dipendente -come utenti - non abbiamo scelta. Si deve solo subire
Venerdì 21 Settembre 2018, 22:40
E quando tranquillamente stanno al telefono per i fatti propri con decine di persone a bordo su quello non c'è nulla da ridire circa i comportamenti da tenere ?
Venerdì 21 Settembre 2018, 22:34
E le assurde serenate alle nove di mattina per i canali interni quelle vanno bene ?
Giovedì 7 Giugno 2018, 14:43
E con grande lungimiranza per accontentare questi soggetti si vuole riportare il calcio in centro città a Mestre in mezzo alle famiglie residenti con i soldi pubblici
Giovedì 20 Ottobre 2016, 21:38
Un'altra oscenità a Mestre.......