linomestre
1 Gennaio 1915

Commenti pubblicati:
Venerdì 12 Aprile 2019, 08:51
(Messner a parte)... di cui sono note le idee ambientaliste.
Venerdì 12 Aprile 2019, 08:49
Esatto: solo chi non conosce la localita' puo' indignarsi o criticare. E' stata una scelta politico-economica delle comunita' locali (e della Regione) destinare quel sito allo sfruttamento turistico, tutelando pero' tutto quello che c'e' intorno (ed e' tanto...) anche in maniera severissima!
Lunedì 25 Marzo 2019, 10:16
Giornata storica. Infatti la storia racconta che come Comandante Interregionale della Guardia di Finanza riusci' a stoppare l'inchiesta della Procura di Lecce sulla vicenda Tarantini che poteva costare cara a Silvio nel 2009. Appunto storia. Gli elettori della Basilicata sono cosi' piu' vicini agli elettori del Nord.
Mercoledì 20 Marzo 2019, 11:10
Certo che il numero 49 deve essere un po' indigesto a Salvini. (Erano 49 anche i migranti della Sea Watch).
Mercoledì 20 Marzo 2019, 11:06
Ben venga un maggior controllo del territorio! Quello, appunto, che manca completamente in quasi tutte le periferie d'Italia, ma spesso anche in centro citta'. Controllo che faciliterebbe anche il contrasto al fenomeno della tossicodipendenza, oggi impossibile, visto che l'offerta si adegua alla domanda. E combattere solo l'ultima ruota del carro (lo spaccio) non risolve nulla, mancando la volonta' politica di risalire alle gerarchie del business...
Mercoledì 20 Marzo 2019, 10:50
Per cortesia, non usiamo il termine: strade killer. Purtroppo nella nostra Regione troppe strade sono pericolose: platani e canali senza guard-rail (che dovrebbero essere continui e non a spezzoni, diventando essi stessi pericolosi se ci si finisce infilzati). Nessuno fa nulla, meglio occuparsi del tiramisu'. Il vero problema e' la velocita'.
Venerdì 15 Marzo 2019, 13:52
Continuate a giocare col fuoco. Tranquilli, continuate a giocare con i sentimenti peggiori della gente, con la paura, con il rancore, con la chiusura mentale. E continuate pure a giocare con il razzismo dicendo che tanto non esiste, che non è un problema. Continuate anche a giocare con l’odio.
Venerdì 15 Marzo 2019, 09:28
Qualcuno si stupisce che certi esaltati ci siano in Paesi come Australia o Nuova Zelanda dove esiste una alta qualita' della vita e politici equilibrati. Da noi dove gia' ci sono sintomi di "guerra tra poveri" e soprattutto politicanti che soffiano sul fuoco... a quando altri emuli di Luca Traini?
Mercoledì 13 Marzo 2019, 10:08
Ci risiamo: "pericoloso gruppo criminale dedito allo spaccio ecc." Ovviamente si parla di pakistani, un bengalese, una ragazza italiana, alcuni marocchini... tutti spacciatori di strada. Non spacciatori "coperti" che riforniscono clienti VIP. Di pericoloso in questa vicenda c'e' solo la mancanza di risalire ai vertici del lucroso commercio di stupefacenti, o almeno agli stadi intermedi delle gerarchie criminali (importatori, grossisti, raffinatori, distributori ecc.). Ma come sappiamo il Ministro dell'Interno (a capo di Polizia, Carabinieri, Finanza, Servizi Segreti, Prefetti ecc.) ha altro a cui pensare.
Martedì 26 Febbraio 2019, 10:24
Curiose le contraddizioni di quell'isola. La rabbia dei pastori incattiviti da vent'anni di malgoverno dell'economia sfocia in violenze sempre piu' gravi e contemporaneamente premiano col voto di due giorni fa la destra berlusconiana (che per dieci anni assieme alla Lega) ha sostenuto gli allevatori del Nord a discapito di quelli del Sud (quote latte ecc.)!
Martedì 26 Febbraio 2019, 09:54
Vorrei solo far presente che il 30% dei contribuenti dichiara meno di 10.000 euro all'anno (al sud oltre il 40%) quindi da mille a duemila euro meno del reddito di cittadinanza all'anno! Parliamo di dodici milioni di persone, tra cui ci sono tanti disoccupati, invalidi, ragazze madri ecc. ma anche tanti assai abili a nascondere redditi al fisco. Ricordo che ai tempi dell'Universita' tutti i beneficiari delle borse di studio eran figli di commercianti e piccoli industriali. Parlo degli anni settanta, ma dubito che le cose siano cambiate molto nonostante l'ISEE. La cosa che piu' mi scandalizzava allora era vedere le auto che sfoggiavano costoro (non utilitarie, ma Alfa 2000 e Mini Cooper) quando mio padre e quasi tutti i suoi colleghi di lavoro si potevano permettere una 500 (del tempo) o una 850 di seconda mano, ma piu' spesso solo un motorino...
Lunedì 25 Febbraio 2019, 12:11
Conosco bene quel percorso (solo in parte attrezzato!) che ritengo pericoloso anche d'estate. In inverno e' fattibile con picozza e ramponi, ma in discesa le insidie sono molte, dovute soprattutto alle trasformazioni repentine della neve da ghiacciata a bagnata (zoccolo sotto i ramponi) considerate le continue variazioni di esposizione del percorso da est a sud ad ovest.
Mercoledì 20 Febbraio 2019, 11:38
Da rottamare lo smartphone distrutto nell'impatto.
Mercoledì 20 Febbraio 2019, 11:25
Renzi: “I domiciliari per i miei genitori sono abnormi”. Ha ragione: due persone normali, con quelle accuse, sarebbero in galera!
Venerdì 8 Febbraio 2019, 16:44
Il lettore Di Paola menziona i crimini commessi dalle truppe italiane che hanno causato la morte di centinaia di migliaia di persone. Puo' sembrare un numero come tanti, ma invece e' spaventoso il fatto che tali crimini sono stati commessi nei confronti di un Paese che era neutrale e praticamente privo di un vero Esercito (e che per chi non lo sapesse invaso dalle truppe tedesche inviate in soccorso dei nostri militari che non solo non avevano "spezzato le reni" alla Grecia ma stavano per esser ributtati indietro dal minuscolo esercito Greco!). Un appunto alla risposta del Direttore: a parte la recente uscita dell'ANPI di Rovigo, nessuno ha mai negato l'esistenza delle foibe, mentre e' rimasto (quello si') molto incerto il numero delle vittime (da 5000 a 11000). Tornando al numero spaventoso di vittime jugoslave dell'aggressione tedesca (300.000) ma soprattutto della successiva occupazione italiana: un milione di civili! Ripeto: un milione di civili, una vera decimazione! La sproporzione tra i due numeri (11 mila versus 1 milione) restera' una macchia indelebile sulla nostra nazione, altro che italiani brava gente! Nessun Paese al mondo, nessuno (!) ha mai avuto cosi' tanti civili uccisi in proporzione ai suoi abitanti, nemmeno l'Unione Sovietica o il Giappone, che pure ha subito nientemeno che due bombardamenti atomici! (Solo per fare un confronto, l'Italia, con 44 milioni di abitanti nel 1939, ebbe 300.000 militari e 150.000 vittime civili, per lo piu' sotto i bombardamenti alleati).
Venerdì 8 Febbraio 2019, 15:16
Un sindaco dovrebbe occuparsi della criminalita' organizzata (o anche solo della microcriminalita') secondo te! Un Sindaco ha compiti prettamente amministrativi (persino in un piccolo Comune sono una montagna, figurarsi a Roma!!!). Per il contrasto alle mafie rileggiti con calma quanto ho scritto prima.
Venerdì 8 Febbraio 2019, 11:20
Difficile riuscir a concentrare tante cavolate in due sole righe. Il problema del controllo del territorio (in mano ai clan mafiosi non solo al sud) dovrebbe togliere il sonno ad un Ministro dell'Interno (che ricordo a chi non lo sapesse, oltre alla Polizia di Stato, ora e' a capo anche dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, dei Servizi Segreti, dei Questori e dei Prefetti e di tutte le strutture locali che da loro dipendono). Ma il nostro, come noto, ha altri interessi. E la Sindaca Raggi ha ben altri problemi che occuparsi anche della criminalita' organizzata.
Giovedì 7 Febbraio 2019, 14:56
Zaia ieri ha detto che gli piacerebbe poter andare velocemente in treno fino a Lione! Questa affermazione fotografa bene come i ns. politici conoscono i problemi. Infatti c'e' gia' una linea ferroviaria tra Torino e Lione ma non viene quasi piu' utilizzata dai passeggeri (i treni viaggiano semivuoti). Chi deve andare da Torino a Lione o Parigi usa l'aereo sia da Malpensa che da Caselle (impiega meno tempo e soprattutto COSTA MENO). La TAV di cui si parla e' solo per le merci e quindi Zaia dovrebbe viaggiare in incognito (sperando che non lo becchino). Qualora si fosse gia' scavato il nuovo tunnel, un'azienda con sede in Brianza o in Veneto, e che deve spedire dei macchinari in Francia (a Tolosa o Bordeaux o Parigi) anziche' inviare (come fa oggi) un TIR (che viaggia tutta la notte e l'indomani e' a destinazione) dovrebbe: 1) caricare la merce su un autocarro per il tragitto da Milano (o Verona) a Torino Orbassano (la TAV Milano-Torino e' solo per passeggeri). 2) Scaricare la merce e caricarla su un carro merci. 3) Aspettare che si formi un convoglio (con altri carri-merci con tipologie e destinazioni diverse) e gia' qua passa una settimana o due. A quel punto il treno veloce in meno di due ore e' a Lione. 4) Li' la ditta dovrebbe trovarsi un nuovo autocarro (del posto) che carichi la merce scaricata dal treno e riprenda il viaggio fino a Tolosa o altrove... queste sono cose che qualsiasi imprenditore del Nord sa benissimo. Possibile che tanti politici non lo sappiano? Oppure ci fanno?
Giovedì 7 Febbraio 2019, 11:51
Che il RdC cosi' come concepito (a differenza del R di Inclusione, gestito dai Comuni e gli Assistenti Sociali) si presti ad indebite assegnazioni, e' allarme di autorevoli conoscitori del problema. Il vero problema del nostro Paese e' il numero spropositato di persone, soprattutto giovani, che vivono nell'illegalita' assoluta, a tutti i livelli: non a caso siamo il Paese dove prosperano le cinque mafie piu' potenti d'Europa. Prosperano nonostante al Ministero dell'Interno (a capo, oltre che della Polizia, ora anche dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, di Prefetti e Servizi segreti...) ci sia un grande garante della legalita' e che vola nei sondaggi...
Giovedì 7 Febbraio 2019, 10:20
Leggiti il libretto di Rastello e DeBenedetti "Binario Morto" e capirai tutto.
Giovedì 7 Febbraio 2019, 09:01
Zaia ieri ha detto che gli piacerebbe poter andare velocemente in treno fino a Lione! Questa affermazione fotografa bene come i ns. politici conoscono i problemi. Infatti c'e' gia' una linea ferroviaria tra Torino e Lione ma non viene quasi piu' utilizzata dai passeggeri (i treni viaggiano semivuoti). Chi deve andare da Torino a Lione o Parigi usa l'aereo sia da Malpensa che da Caselle (impiega meno tempo e soprattutto COSTA MENO). La TAV di cui si parla e' solo per le merci e quindi Zaia dovrebbe viaggiare in incognito (sperando che non lo becchino). Qualora si fosse gia' scavato il nuovo tunnel, un'azienda con sede in Brianza o in Veneto, e che deve spedire dei macchinari in Francia (a Tolosa o Bordeaux o Parigi) anziche' inviare (come fa oggi) un TIR (che viaggia tutta la notte e l'indomani e' a destinazione) dovrebbe: 1) caricare la merce su un autocarro per il tragitto da Milano (o Verona) a Torino Orbassano (la TAV Milano-Torino e' solo per passeggeri). 2) Scaricare la merce e caricarla su un carro merci. 3) Aspettare che si formi un convoglio (con altri carri-merci con tipologie e destinazioni diverse) e gia' qua passa una settimana o due. A quel punto il treno veloce in meno di due ore e' a Lione. 4) Li' la ditta dovrebbe trovarsi un nuovo autocarro (del posto) che carichi la merce scaricata dal treno e riprenda il viaggio fino a Tolosa o altrove... queste sono cose che qualsiasi imprenditore del Nord sa benissimo. Possibile che tanti politici non lo sappiano? Oppure ci fanno?
Venerdì 1 Febbraio 2019, 11:08
Complimenti alla Redazione che riporta anche la voce della controparte, almeno su questa notizia.
Martedì 29 Gennaio 2019, 09:47
C'e' chi si meraviglia che possa esprimersi cosi' un Docente del CIELS (facolta' per operatori di integrazione migranti). Ma fino al Decreto "Sicurezza" quali erano i possibili sbocchi professionali per il mediatore linguistico e culturale: istituti di istruzione ed educazione, enti di formazione, enti culturali, servizi sanitari... tutte entita' eliminate dal Decreto che oltre a lasciare per strada i migranti toglie il lavoro (e le prospettive future) a tanti giovani laureati. E facile prevedere quali saranno le future attivita' dei migranti non integrati. Il confronto con altri Paesi europei possiamo definirlo triste?
Lunedì 21 Gennaio 2019, 11:06
Ecco il problema di questa nostra citta'...: l'inquinamento acustico (e forse anche quello ambientale, se pure gli islamici si metteranno a mangiare cipollotti...). 50 anni di petrochimico invece non e' un problema...
Lunedì 21 Gennaio 2019, 09:56
Per una volta hai scritto una cosa sensata, anche se di difficile, o impossibile applicazione: ad es. fino a che eta' uno puo' venir considerato un bambino? Ed una donna esile non e' forse equiparabile come rischio? Il problema comunque rimase sempre e solo la velocita': le piste attuali, autostrade lisciate come biliardi, invitano a correre anche chi non ha una totale padronanza degli sci e quindi il rischio di scontri ne e' prevedibile conseguenza. Per assurdo l'unico modo per abbassare il rischio di tale tipo di incidenti e' ritornare all'antica, quando le piste non venivano preparate come oggi...
Venerdì 11 Gennaio 2019, 10:52
Complimenti Takumar... e grazie per aver confermato quello che ho scritto poco sopra! Aggiungo, per quelli come te, e che magari fanno lo sforzo di capire il senso del nostro scambio di opinioni: la signora e' stata vittima proprio del clima di intolleranza creato dallo spregiudicato politico e da quelli che (vedendone il successo) lo imitano e rilanciano in modo piu' o meno scomposto...
Venerdì 11 Gennaio 2019, 08:31
Vedo da molti commenti che troppi ragionano come l'ubriacone friulano, anche se astemi. Infatti, ripeto, pur non avendo in corpo un milligrammo di alcool, dell'episodio costoro vedono solamente l'ubriachezza molesta, e non quello che c'e' dietro e che l'eurodeputata ha descritto benissimo: "i politici che istigano continuamente all’odio, esasperano le differenze sociali e culturali, quelli che gettano nei cassonetti le coperte dei senzatetto o diffondono stupide filastrocche sui migranti, fanno si' che ci sarà sempre qualcuno che pensera' che, se cattiveria e intolleranza sono di casa nelle Istituzioni, allora sara' concessa a tutti».
Giovedì 10 Gennaio 2019, 12:41
Quale sarebbe la societa' civile? Quella in cui fanno business miliardario mafie di ogni tipo (da Cosa Nostra alla Sacra Corona Unita, dalla Magliana ai Casalesi, dalla Camorra alla N'Drangheta)? Il principale compito di un Ministro dell'Interno (a capo della Polizia, dei Carabinieri, dei Prefetti, dei Servizi Segreti ecc.) non dovrebbe essere il contrasto a questi autentici cancri della Societa'?
Martedì 8 Gennaio 2019, 10:47
Affermi di non capire perche' all'estero sono coesi a fermare l'invasione. Ma parliamo dei disperati che salgono su barconi o carrette del mare o dei migranti? Per i primi valgono le regole concordate a livello europeo (trattato di Dublino). Per i secondi ti comunico che quasi tutti i Paesi Europei (esclusi i 4 di Visegrad) hanno accolto (e non sempre ben integrato) molti piu' immigrati del nostro! Ovviamente in rapporto ai propri abitanti. Infatti Malta (piccola isola paragonabile a Lampedusa) e' quella che ne ha accolti di piu'....e persino l'Austria (nonostante la nomea di crucchi) ne ha accolti e distribuiti in ogni Comune molti piu' dell'Italia!
Martedì 8 Gennaio 2019, 08:31
Bravi i redattori del Gazzettino, ma non e' vero che la notizia sia stata censurata, solo ignorata da tutti quelli a livello nazionale. In Friuli il giornale locale piu' venduto aveva riportato la notizia, anche con grande rilevanza.