claudio pros
1 Gennaio 1915

Commenti pubblicati:
Sabato 16 Febbraio 2019, 22:41
Quello svoltosi nel 2017 non era un referendum, non esistono in Italia referendum propositivi (giustamente). Quella, finanziata con ingenti milioni di soldi pubblici gettati all‚Äôaria, per motivi puramente autoreferenziali dai regionalisti, era solo una consultazione d‚Äôopinione su di un quesito vago (un po‚Äô come quello che potrebbe essere: ¬ęvolete l‚Äôacqua calda?¬Ľ, rispondete s√¨ o no). Al che, essendovi costretti, si √® data, da parte di pochi, una risposta altrettanto vaga. Nessuno ha mai saputo che cosa si intendesse per ‚Äúautonomia‚ÄĚ e quali fossero i contenuti che una parte dei promotori di questa iniziativa proveniente dall‚ÄôIperuranio, intendessero. Lo si √® saputo solo pochi giorni fa, in cui √® stata finalmente decriptata una serie di 23 ‚Äúproposte‚ÄĚ una pi√Ļ inaccettabile dell‚Äôaltra, costruita da un gruppuscolo di persone nelle segrete stanze sodali e con la pretesa altrettanto assurda della inemendabilit√†!!!‚Ķ Concordo con chi ha detto che tutto questo ha il sapore di una barzelletta, pagata a spese del Paese Arlecchino con le pezze a sedere ancora una volta, che ha gi√† sulla groppa il pesante fardello dello spaventoso debito pubblico prodotto dalle Regioni in questi 49 anni‚Ķ Il Paese √® in una gravissima situazione economica, ma il peggio √® che non esiste all‚Äôorizzonte una classe dirigente seria, responsabile e credibile che possa dar freno a queste iniziative senza capo n√© coda‚Ķ
Sabato 16 Febbraio 2019, 21:55
Altra "rivoluzione colorata", chissà che colore avranno scelto questa volta i registi…
Sabato 16 Febbraio 2019, 21:06
Demetan lei ha tutta la mia stima, per√≤ quando usa il nomignolo ‚Äėveneto‚Äô cosa intende^? ‚ÄėVeneto‚Äė √® semplicemente il nomignolo che √® stato scelto dalle segreterie romane della Dc e del Pci al posto di Venezia Euganea per designare una delle 20 regioni italiane, che istituirono nel1970. E, allora, di grazia quali sarebbero questi "‚Äėveneti‚Äô che si arrabbiano"? Intende forse qualche "politico" che si trova negli uffici regionali e si fa di "prosecco e tartine"?
Sabato 16 Febbraio 2019, 17:25
Come si scrive in "veneto"? Visto che "veneto" è unicamente il nomignolo della Regione istituita nel 1970? Ce lo spieghi che è "bon" per favore lei questo mistero…
Sabato 16 Febbraio 2019, 17:06
Farweaìstizzazione dei conflitti, togliere subito le armi in giro…
Sabato 16 Febbraio 2019, 16:29
L‚Äôargomento che sarebbero tanti i ‚Äúveneti‚ÄĚ che avrebbero scelto l‚Äôautonomia con la consultazione pagata con i soldi pubblici buttati all‚Äôaria, e che quindi dovrebbe essere fatta, √® del tutto fallace. Il risultato della consultazione del 2017 √® stato davvero modesto nonostante la pressione a senso unico dell‚Äôasse Pd‚ÄďLega‚ÄďFi con le diocesi e sindacati annessi, non sono arrivati neppure al 50%. In ‚ÄúLombardia‚ÄĚ al 30%! Non vedo perch√© con un quesito di consultazione vago e fuorviante, si vadano poi a proporre 23 nuove acquisizioni di competenze (tra cui quelle improponibili e inaccettabili su sanit√†, istruzione e autostrade, ecc.), decise da chi? rimaste nascoste e criptate fino all‚Äôaltro ieri, discusse nelle segrete stanze sodali e proposte come inemendabili! non avendone neppure il titolo di rappresentare una maggioranza. √ą come voler fare una separazione scappando di casa senza che il coniuge venga a saperlo, lasciandogli l‚Äôonere di far crescere la prole e sanare le passivit√† fatte, soltanto per manifesta incapacit√† ed impotenza. ‚ÄúVeneto‚ÄĚ non √® poi il nome proprio degli elettori n√© di persone fisiche, ma il nome della Regione italiana, che √® unicamente un ente amministrativo burocratico temporaneo dal 1970.
Sabato 16 Febbraio 2019, 14:28
per pa chin 2019-02-16 07:41:18 Tenga conto che con la sanit√† regionalizzata ci sono pochi medici di buon livello, la pi√Ļ parte se ne scappano ovviamente all'estero con tutto il personale paramedico e infermieristico,dove sono molto richiesti, meglio gestiti e pagati adeguatamente. Con la sanit√† regionalizzata si pu√≤ cantare il de profundis della sanit√†‚Ķ
Sabato 16 Febbraio 2019, 14:22
√ą proprio il debito pubblico che hanno prodotto le Regioni in questi 49 anni e che continuano a produrre che ha portato al collasso economico il Paese. Con queste pretese assurde, fuori di ogni logica, cresce sempre pi√Ļ il fronte per l'abolizione senza SE e senza MA di tutte le Regioni (autonome, speciali ordinarie)‚Ķ
Sabato 16 Febbraio 2019, 09:23
Ennesima puntata del feuilleton regionalistica, una ci sar√† anche domani e dopodomani con possibili repliche a reti unificate‚Ķ Nel frattempo sale sempre pi√Ļ la consapevolezza nel Paese reale che occorra pi√Ļ presto abolire finalmente dopo 49 anni di scandali e forte produzione di debito pubblico, le inutili Regioni (autonome, speciali e ordinarie), senza alcun SE e senza alcun MA
Venerdì 15 Febbraio 2019, 17:53
"√ą partorita nelle segrete stanze", criptica e nascosta: una "riforma" degenere rigettata dall'intero Paese‚Ķ La sostanza vera √® che non sanno pi√Ļ che pesci pigliare a vendere pentole e bussolotti‚Ķ non li piglia nessuno‚Ķ
Venerdì 15 Febbraio 2019, 14:53
Gentile sig. Odiomestre 2019-02-15 12:22:2 Il "Veneto" è il nomignolo imposto arbitrariamente al posto di quello originale di VENEZIA EUGANEA senza alcun tipo di consultazione, di una delle 20 Regioni italiane, non è una città e neppure un territorio. Le Regioni italiani sono enti amministrativi-burocratici temporanei, la loro istituzione venne fatta nel 1970 dall'accordo spartitorio di poltrone DC-PCI. Ora, 49 anni sono passati e questi enti si sono ampiamente dimostrati del tutto inutili, scandalosi e unicamente forti produttori di debito pubblico. Sovrapponendosi inoltre senza motivo alle istituzioni già presenti (ministeri, comuni, province…). Il Paese è ora ridotto ad abbigliarsi da Arlecchino con le pezze al sedere, con l’unico obiettivo di riuscire a pagare inumani interessi sugli interessi per tamponare il mostruoso debito pubblico, questa non è economia ed infatti i giovani emigrano perché a loro è stato rubato il futuro. La disaffezione verso questi enti è fortissima come viene dimostrato ad ogni tornata elettorale, meno della metà degli aventi diritto al voto si presenta ai seggi. Occorre quindi procedere con criterio di tutto buon senso e con l'adesione della stragrande maggioranza che lo reclama, e cioè con l'abolizione di tutte le Regioni (autonome, speciali e ordinarie), senza SE senza MA.
Giovedì 14 Febbraio 2019, 21:59
Ovvio dietrfrontismo del governicchio propaganda… fiutano l'aria di maretta prima della Sturm…
Giovedì 14 Febbraio 2019, 20:56
Ovviamente, caro erikpd, e non gattopardescamente come si √® fatto con le province, facendo finta di abolirle e cambiando soltanto furbescamente i nomignoli, dall'asse regionalistico Pd-Fi‚ÄďLega‚Ķ
Giovedì 14 Febbraio 2019, 20:02
Aboliamo tutte le Regioni (autonome, ordinarie, speciali), senza SE e senza MA. Basta con i deliri "federalistici", "sgovernativici", ecc. meramente per dividersi poltrone…Il Paese Arlecchino attraversa un momento grave, finiamola con lo scassare il barile che è già stato ampiamente raschiato…
Giovedì 14 Febbraio 2019, 16:12
√ą ben noto il compatto asse regionalistico Pd-Fi-Lega, come la modifica del Titolo V, e gli effetti sono sotto gli occhi di tutti‚Ķ Ora per√≤, dopo 49 anni di inutile e scandaloso regionalismo, √® ora di porre un freno e proporre quello che la stragrande maggioranza attende e cio√® l'abolizione di tutte le Regioni (autonome, ordinarie, speciali). Non si deve scassare ulteriormente un Paese Arlecchino che porta sulla groppa uno straordinario debito pubblico su cui unicamente paga inumani interessi sugli interessi‚Ķ Questa non √® economia, questa √® una catastrofe regionalistica‚Ķ
Giovedì 14 Febbraio 2019, 15:51
"cittadini veneti"???? Non esiste una cittadinanza "veneta"! "veneto" √® solamente un nomignolo scelto arbitrariamente e imposto senza alcuna consultazione dalle segreterie romane della Dc e del Pci nel 1970, al posto di quello di Venezia Euganea. √ą quindi il nomignolo di una delle 20 Regioni italiane che vennero istituite, le Regioni non sono dei territori sono unicamente degli enti amministrativi-burocratici temporanei. Questa etichetta di "veneto" non va scorrettamente apposta altrove se non sullo scopo alla quale √® stata assegnata dai partiti nella divisione delle poltrone
Giovedì 14 Febbraio 2019, 13:38
Togliamo subito la sanità alle Regioni e aboliamo tutte le Regioni (ordinarie, autonome, speciali), basta con questi enti inutili, produttori professionali di debito pubblico e scandalosi…
Giovedì 14 Febbraio 2019, 13:31
I Bellunesi sono affaccendati, c'è chi vuole passare al Trentino e chi al Friuli… Sappada ben felicemente c'è già riuscita, ora, a cascata, anche tutti gli altri bellunesi fibrillano per riuscirci… Si sa che i bellunesi sono caparbi, è certo che ce la faranno
Giovedì 14 Febbraio 2019, 12:47
Friuli e Veneto non sono territori, ma semplicemente nomignoli del enti burocratici amministrativi temporanei al posto della originale e inopportunamente cancellata di Venezia Euganea
Giovedì 14 Febbraio 2019, 12:02
Il regionalismo √® prodotto dall'asse Pd-Fi-Lega, sono loro gli eredi della Dc-Pci, che introdussero nel 1970 le scandalose e inutili Regioni unicamente per dividersi le poltrone‚Ķ Ecco cosa ebbe a dire un fautore delle Regioni, Francesco Cossiga (Dc), quando introdussero questi enti dispendiosi forti produttori di debito pubblico: ‚Äúesse furono dunque varate per motivi eminentemente di equilibrio politico, non perch√© le si ritenesse necessarie per una migliore organizzazione dello Stato; insomma, bisognava dare un po‚Äô di potere ai comunisti l√¨ dove erano pi√Ļ forti: in Toscana, in Emilia Romagna, in Umbria‚ÄĚ
Giovedì 14 Febbraio 2019, 11:11
Nessuno tocchi la legge della Merlin euganea…Aboliamo tutte le Regioni e iniziamo a mettere un freno allo spaventoso debito pubblico che hanno prodotto in questi 49 anni…
Giovedì 14 Febbraio 2019, 11:08
Le Regioni non si riformano ma si deve andare verso la loro abolizione, porremmo così un freno allo sfascio economico del Paese Arlecchino, costretto ora solo a pagare interessi sugli interessi dello spaventoso debito pubblico prodotto in 49 anni di scandaloso e controproducente regionalismo
Giovedì 14 Febbraio 2019, 10:54
Togliamo la sanità alle Regioni
Giovedì 14 Febbraio 2019, 10:51
Siamo all'interno del tentativo di far decrescere sempre pi√Ļ il Paese Arlecchino con le pezze al sedere. Per fortuna cresce sempre pi√Ļ la consapevolezza di abolire tutte le scandalose e inutili Regioni (ordinarie, autonome e speciali). Il 2019 sar√†, appunto, l'anno della chiusura di questi rubinetti aperti che disperdono l'energia economica del Paese‚Ķ
Mercoledì 13 Febbraio 2019, 10:24
Il 2019 sia finalmente l'anno dell'abolizione di tutte le inutili Regioni (autonome, speciali, ordinarie), senza SE e senza MA. Il debito pubblico prodotto in questi 49 anni ci soffoca ed il Paese Arlecchino con le pezze al sedere è solo costretto a pagare interessi sugli interessi, isolato da tutti… Si può andare avanti molto così?
Martedì 12 Febbraio 2019, 15:43
Lei confonde Venezia con ‚Äúveneto‚ÄĚ, ma Venezia non √® il nomignolo ‚Äúveneto‚ÄĚ imposto nel 1970 dalle segreterie romane della Dc e del Pci: √® improprio e scorretto far scivolare di senso tra Venezia e ‚Äúveneto‚Ä̂Ķ Non esistono storie del ‚Äúveneto‚ÄĚ, se non quella di 49 anni della Regione italiana, cos√¨ arbitrariamente denominata tra le 20‚Ķ ‚ÄúVeneto‚ÄĚ non √® un territorio ma soltanto il nomignolo di un ente amministrativo burocratico temporaneo italiano. Non √® amministrato da un ‚Äúgovernatore‚ÄĚ ma da un presidente come tutte le altre regioni
Martedì 12 Febbraio 2019, 14:07
Questa è la modifica del titolo V, voluta da Fi-Lega-Pd, eredi diretti di Dc-Pci Modifica costituzionale del Titolo V, 09.07.2013, art .116, terzo comma, voluta dai regionalisti a loro uso e consumo…
Martedì 12 Febbraio 2019, 13:14
Dov'è che il "veneto" avrebbe "1000 anni di storia"? E lei parla di confusione per gli altri? "veneto" è un nomignolo imposto nel 1970, al posto di Venezia Euganea, e non c'entra assolutamente nulla con il Ducato di Venezia, spirato nel 1797…
Martedì 12 Febbraio 2019, 09:30
Aboliamo tutte le Regioni (autonome, speciali, ordinarie), senza SE e senza MA. Questo è ciò che vuole la stragrande maggioranza delle persone di buon senso, stanche del debito pubblico che queste hanno prodotto in questi 49 anni, e che ha così rubato il futuro ai giovani e al Paese tutto.
Martedì 12 Febbraio 2019, 09:26
Le Regioni vennero istituite nel 1970 dall'accordo Dc-Pci, questi enti amministrativi si sono rivelati superflui, ad ogni appuntamento elettorale regionale la loro disaffezione √® fortemente evidente. In questi 49 anni hanno prodotto un debito pubblico catastrofico, √® giunto il momento di organizzare l'abolizione di tutte le Regioni, (autonome, speciali, ordinarie), proprio per iniziare a dare un duro colpo al debito pubblico che mortifica il Paese. Sull'inutilit√† di tali istituzioni e sull'accordo Dc-Pci spartitorio, ecco cosa ebbe a dire Francesco Cossiga (Dc): ‚ÄúEsse furono dunque varate per motivi eminentemente di equilibrio politico, non perch√© le si ritenesse necessarie per una migliore organizzazione dello Stato; insomma, bisognava dare un po‚Äô di potere ai comunisti l√¨ dove erano pi√Ļ forti: in Toscana, in Emilia Romagna, in Umbria‚ÄĚ. Quindi, gi√† milioni di elettori, davanti all‚Äôaumento di debiti, spese, burocrazia, discriminazioni, disertano le urne. Le regioni in s√© sono un problema. Abolire le regioni √® la soluzione democratica e risolutiva.